Grande successo per l’XI ‘Festa del libro’ a Montereggio

Grande successo per l’XI ‘Festa del libro’ a Montereggio

FurforiMONTEREGGIO – Si è conclusa ieri, domenica 24 agosto, l’undicesima ‘Festa del libro’ a Montereggio. L’antico borgo lunigianese, noto anche come il ‘paese dei librai’ ha ospitato per una settimana autori, giornalisti ed editori di livello nazionale e internazionale: Sondra Goggio, Marco Buticchi, Ivan Fowler, Marco Della Croce, Letizia Leviti, Davide Barilli e Brian Fitzgerald hanno presentato le loro opere di fronte alla platea di visitatori che, ogni anno, si reca a Montereggio per scoprire le novità e le conferme  del panorama letterario in un contesto davvero unico nel suo genere: il borgo lunigianese, infatti, sin dai primi del ‘500, ha contribuito in modo decisivo alla diffusione della cultura in ambito locale e nel nord italia, sono molti i paesani di cui si ha memoria che partivano con le gerle piene di libri alla volta delle grandi città del nord per vendere le proprie creazioni e per apprendere nuove tecniche di rilegatura. Inoltre, nel 1952, il paese ha dato i natali al ‘Premio Bancarella’, uno dei riconoscimenti letterari più ambiti.

Ieri, giornata conclusiva della manifestazione, è stata caratterizzata dall’incontro con Antonio Ferrero che ha svelato alla platea la sua nuova composizione letteraria attraverso la presentazione curata dal professor Imo Furfori, il quale ha analizzato il testo dal punto di vista culturale, sociale e stilistico leggendone al pubblico alcuni tratti salienti. “Pochi elefanti a Borgofermo” (edizioni clandestine) è il titolo dell’opera in cui il protagonista, Giacobbe Doveri, si ritrova suo malgrado convivere con i propri familiari, tra personalità ingombranti ed egocentriche, in un turbine di stati d’animo e sensazioni. Solo il classico imprevisto permetterà il fuoriuscire della vera natura di tutti i personaggi. 

La rassegna si è conclusa in serata con l’intervento di Bruno Zanardi, docente a Urbino di storia e tecnica del restauro, uno dei massimi esperti in Italia. La sua opera “Un patrimonio artistico senza. Ragioni, problemi soluzioni” (ed. Skira) è stata presentata da Antonella Tarpino, storica, e dal professor Giuseppe Benelli.

Davide Lazzini
25 agosto 2014

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook