PASTA FREDDA CON MELONE E SPECK

di Alessandra Cetronio

Il Paiolo Magico

Cari lettori è passato del tempo dall’ultima volta che vi ho scritto una delle mie ricette … ma a volte il tempo permette di coltivare nella propria mente idee migliori e aumenta la voglia di esprimerle al pubblico. Non credo che questa pausa possa influire sul nostro dialogo: il tempo è ciò che a volte sembra portare grandi distacchi ma più spesso è fonte di creatività e di riflessioni fruttuose; spero che in questo caso sia proprio così, e che la mia rubrica possa “accattivarvi” con ricette facili e gustose e visto il periodo estive!

PASTA FREDDA CON MELONE E SPECK

Sono arrivate le giornate calde e quando vediamo il sole “picchiare forte” ci viene la voglia di passare le nostre giornate al mare o al fresco di un parco … ed è in quei momenti che mi ricordo di una ricettina che più estiva non si può! Mia zia me la preparò in uno di quei giorni caldi ed afosi di ritorno dal mare. Vi assicuro che non vi prenderà molto del vostro tempo: mettete sul fuoco l’acqua per cuocere la pasta, approfittate per una doccia e poi, pochi passaggi per il condimento … e tutto è pronto!

Ingredienti:

  • 400 gr di mini rigatoni

  • 200 gr di melone

  • 100 gr di speck a dadini

  • 50 gr di parmigiano

  • sale

  • pepe

  • olio

1) Rosolare lo speck con l’olio in una padella

2) tagliare a dadini il melone

3) cuocere la pasta al dente

4) versare la pasta nella padella con lo speck, aggiungere il melone e mantecare con il parmigiano.

5) servire in tavola in un piatto piano con una spolverata di pepe.

Questa pasta è ottima anche per organizzare un happy hour mettendola in scodelline piccole e dai colori estivi e accompagnandola con le bollicine … Buon riposo a chi già può godersi le vacanze!

Bè la vacanza è anche per i bambini e sappiamo quanto piace loro incontrarsi per giocare … perché non organizzare una merenda tutta per loro che li faccia sentire speciali! Non le solite merende comprate e che non stupiscono più … Ecco perché la prossima volta cercheremo di invogliare le “piccole pesti” a mangiare naturale!

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook