Twitter addio 140 caratteri

Twitter addio 140 caratteri

Twitter nonostante abbia in attivo 300 milioni di utenti chiude il 2015 al ribasso in termini di crescita di iscrizioni. È uno dei social più famoso, quello che ha portato nelle nostre case il termine hashtag, quello che ha permesso in maniera istantanea di condividere una notizia, un messaggio, un’immagine in tutto il mondo. Ma, forse per il suo funzionamento più macchinoso, viene surclassato dai suoi rivali e non a caso Instagram, proprietà di Facebook, lo scorso Settembre lo ha scavalcato.

Forse uno dei limiti è proprio il suo punto di forza: il limite di 140 caratteri. Twitter infatti si propone come servizio di microblogging, ossia come un servizio che permette a tutti di essere giornalisti, reporter, e ciò che conta è quindi la notizia, il fatto nudo e crudo.

Alcune volte però è necessario inserire link, hashtag numerosi, e questi vengono conteggiati nei famosi 140 caratteri, ed ecco che lo spazio non è più sufficiente. Con l’hashtag #beyond140 Twitter sta sondando il terreno per una rivoluzione interna: estendere il limite a ben 10.000 caratteri, stravolgendo completamente la propria politica. In realtà ciò che vedremo sarà sempre limitato a 140, ma basterà cliccare su un pulsante per poter leggere il testo completo. È una mossa azzardata, che tocca proprio la caratteristica principale del social, ma sembra necessaria per competere con i rivali, primo su tutti Facebook che, nonostante sia un servizio completamente diverso e quindi complementare, viene visto come il più grande rivale.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook