CHIP il primo computer al mondo da 9 dollari

CHIP il primo computer al mondo da 9 dollari

 chipQuando dietro ad un’idea sia cela un progetto concreto nascono sempre cose interessanti. È questo il caso di CHIP il computer che costa soltanto 9 dollari (da notare l’assonanza con Cheap, economico). Avete letto bene: con 9 dollari porterete a casa un computer con il quale potrete fare tutto (o quasi) quello che state facendo con il dispositivo che state utilizzando per leggere.

Si tratta di un progetto avviato su Kickstarter, il noto sito di crowdfunding, in cui si presenta un progetto e si stabilisce un budget da raggiungere grazie alla comunità partecipante. L’obiettivo era di raggiungere i 50.000 dollari: dopo poche ore aveva superato i 630.000 dollari.

CHIP è davvero piccolo e ciò significa che lo potrete mettere in tasca e portarlo facilmente ovunque. Le dimensioni si aggirano attorno ai 60mm x 40mm. Monta un SoC Allwinner A13 da 1Ghz, 512MB Ram, GPU ARM Mali-400, storage da 4GB. Come potrete notare le caratteristiche hardware non fanno pensare ad un top di gamma, ma i ragazzi di Next Thing non avevano certo questa pretesa.

L’obiettivo era fare un pc alla portata di tutti, con il quale poter scrivere, navigare, studiare, videogiocare, ascoltare musica. Esattamente quello che facciamo tutti i giorni con i nostri dispositivi, ma ad un costo irrisorio, e con una portabilità unica. Basta collegarlo ad un monitor, una tastiera ed il gioco è fatto. CHIP però dà il meglio con le connessioni senza fili: è dotato di Wifi e Bluetooth 4.0 . Il sistema operativo è Debian Linux, aggiornabile via OTA, ma sarete liberissimi di installare quella che preferite. Avere come sistema operativo una distro di Linux ci permette di avere a disposizione moltissime applicazioni. Interessante è il Pocket CHIP: se la donazione è di 49$ avremo a casa un dispositivo con tastiera QWERTY, schermo da 4,3 pollici sensibile al tocco ed una batteria da 3.000 mah. Già da Maggio del prossimo anno sarà disponibile all’acquisto.

Marco Piacentini
11 maggio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook