Youtube soffia 10 candeline

Youtube soffia 10 candeline

 youtubue10Il 14 Febbraio 2005 nasceva un servizio che si è inserito radicalmente nelle nostre abitudini: Youtube. Quando cerchiamo un video musicale, un video amatoriale che può andare da un tutorial agli scherzi telefonici, da ricette gastronomiche al bombardamento di una città ripreso furtivamente dai civili, digitiamo sempre Youtube. Oggi moltissimi siti offrono una raccolta video personale, ma il via è stato dato proprio da Jawed Karim ed il suo team.

Il primo video caricato in assoluto fu “ Me at the Zoo “ in cui Karim descrive, in un corto da 18 secondi, la sua visita alla gabbia degli elefanti nello Zoo di San Diego. In soli dieci anni ha raggiunto cifre da capogiro: più di un miliardo di utenti unici al mese, 6 miliardi di ore viste ogni 30 giorni, è disponibile in 65 lingue ed in 75 Paesi. Oggi è il riferimento assoluto dei video musicali, che costituiscono il maggior profitto della casa.

Infatti una recente introduzione è la “ Music Key “ , un abbonamento che mette a disposizione lo streaming illimitato di musica e video, senza pubblicità. Una mossa sicuramente per contrastare concorrenti come Spotify, Deezer, Google Music, che offrono anche loro un ottimo servizio di streaming musicale, ognuno con delle caratteristiche specifiche.

Anche da questo è possibile notare quanto siano cambiate le nostre abitudini: per i video c’era la televisione, mentre per la musica i compact disc o più recentemente i lettori multimediali. Oggi è tutto online, su internet, a portata di pochi click, video e musica insieme. Ma quali sono i video che hanno fatto impazzire gli utenti di tutto il mondo?
Vediamo i primi cinque:

Gangam Style Psy (2.243.843.595 visualizzazioni)

Baby
– Justin Bieber
(1.137.710.807 visualizzazioni)

Charlie bit my finger again (811.347.494 visualizzazioni)

On the floor – Jennifer Lopez (809.477.506 visualizzazioni)

Party Rock Anthem – LMFAO (819.952.202 visualizzazioni)

Per Gangam Style, del coreano Psy, Youtube ha dovuto modificare il proprio sistema. Senza scendere in tecnicismi vari, il contatore di visualizzazioni non era programmato per raggiungere una cifra simile.

Marco Piacentini
17 febbraio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook