Cosa ci aspetta al Web Marketing Festival? Oggi la conferenza stampa a Milano

Cosa ci aspetta al Web Marketing Festival? Oggi la conferenza stampa a Milano

La conferenza stampa del Web Marketing Festival ha ancora una volta evidenziato l’importanza di questo appuntamento dedicato all’innovazione digitale. Il programma formativo del Web Marketing Festival quest’anno è ancora più ricco, con non poche novità.

La sesta edizione si distingue per il numero di eventi, ben sessanta, per il numero di sale formative, quarantacinque (ognuna costituisce un evento per la tematica in questione), per il numero di speaker e ospiti, quattrocento, per i vari workshop, quindici, oltre all’Area Espositiva ampliata con i più importanti player italiani e internazionali del mondo tech e della robotica.

Tre giorni di innovazione digitale e sociale, web marketing, talk ispirazionali, dibattiti sui trend del futuro, formazione, networking. Partner come Amazon, Aruba, Open Fiber, Barilla, Enel e Gruppo Mondadori danno l’idea del respiro di questo evento. Ci sarà spazion anche per i momenti di svago: non mancheranno intrattenimenti musicali, artistici e show, tra cui un vero e proprio contest dedicato alle band pop emergenti in collaborazione con RDS 100% Grandi Successi.

La conduzione è affidata a Cosmano Lombardo, Chairman del Web Marketing Festival, con Elio e Le Storie Tese e Cristina Chiabotto.

Le nuove sale nate completano l’offerta formativa del Festival seguendo i trend del momento, su suggerimento degli utenti, e sono: Ecommerce e Retail, Crowdfunding, Coding & IT, Blockchain e Criptovalute, Digital HR e Digital for PMI. Ci saranno anche speech e talk dedicati a Realtà Aumentata e Virtuale, Big Data & Aerospace, Sostenibilità Ambientale, Open Innovation e un focus sull’Intelligenza Artificiale, con approfondimenti a cura di Oracle e Microsoft.

Alla Startup Competition, alla sua 5^ edizione che con i suoi mille progetti è ritenuta la più grande d’Italia, si sono aggiunte altre iniziative innovative, tra cui due Hackathon: uno dedicato alle Fake News, con partner d’eccezione come La Stampa e agenzia ANSA, e uno realizzato insieme a Infinity, il primo organizzato dal Gruppo Mediaset.

Altro appuntamento atteso è il Digital Job Placement, il servizio di recruitment del Festival che offre reali opportunità di lavoro e concrete occasioni di matching tra aziende e professionisti in cerca di occupazione. L’incontro tra domanda e offerta di lavoro è una mission che non riguarda solamente questa tre giorni ma anche altri eventi. Il Web Marketing Festival è per questo entrato ufficialmente all’interno della Coalizione Digital Skills and Job dell’UE e, insieme ad altri 350 partner tra cui Cisco, Google, Microsoft e Oracle, si sta impegnando con attività concrete per ridurre e colmare il divario di competenze digitali in Europa.

Web Marketing Festival, avanti tutta!

“Dal 21 al 23 Giugno il Web Marketing Festival sarà l’occasione per formarsi, creare occasioni di business e fare il punto sull’innovazione digitale e sul suo impatto nella società, nell’ambiente e nelle singole industry. Un evento, dunque, che costituisce un acceleratore di formazione e innovazione, uno strumento di crescita e formazione che non si esaurisce durante i giorni della manifestazione, ma che porta avanti durante l’arco dell’anno anche iniziative di educazione sulle nuove forme di imprenditorialità e sul web marketing. Un ringraziamento, infine, va ai relatori che permettono la realizzazione di questa manifestazione e a tutti gli sponsor e le aziende che ci supportano”, come dichiarato da Cosmano Lombardo in conferenza stampa oggi a Milano.

È stata anche l’occasione anche per anticipare alcuni dati della ricerca realizzata dal Web Marketing Festival, in collaborazione con Search On Media Group, sullo stato di digitalizzazione dei Comuni italiani: “Considerando che la maggior parte degli italiani fruisce il web da cellulare – a fronte di 25,4 milioni di italiani che sono online ben 12,6 milioni di questi hanno navigato da mobile (dati Audiweb) – il dato più interessante e preoccupante allo stesso tempo è che oltre la metà dei siti dei Comuni (54,3%) non solo non è Mobile Friendly ma ha anche tempi di caricamento, e quindi di attesa, lunghi. Infatti, in 3583 siti su 7928 presi in esame (il 45,19% del totale) viene visualizzato il primo contenuto della prima pagina dopo 4 secondi e in oltre 480 dopo ben 10 secondi. Si evince, dunque, che i Comuni italiani debbano attrezzarsi meglio per comunicare con i cittadini adeguando i propri siti agli standard riconosciuti. Per poter innovare realmente il Paese, quindi, è necessario favorire e facilitare la comunicazione tra i cittadini e i Comuni: questo processo passa inevitabilmente attraverso un utilizzo corretto degli strumenti digitali”.

Gli interventi e i dibattiti della Sala Plenaria anche quest’anno saranno focalizzati sull’innovazione digitale, un tema che verrà ancora di più approfondito, allargandosi a ulteriori ambiti e settori. Andrea Lamperti, Direttore Osservatorio Internet e Media del Politecnico di Milano, si occuperà di indagare lo stato attuale del panorama innovativo italiano attraverso un’analisi di mercato che illustrerà gli scenari, presenti e futuri, dei processi di trasformazione digitale del Paese e dei suoi sviluppi. Come anticipato da Lamberti, sul tema Internet e Media: “Oltre il 6% degli acquisti di servizi e prodotti sono effettuati online, percentuale quasi raddoppiata negli ultimi 4 anni, e la spesa complessiva per questi acquisti supererà i 27 miliardi di euro a fine 2018. Inoltre, più di un terzo del mercato pubblicitario italiano è su Internet e qui a dicembre la raccolta pubblicitaria online supererà i 3 miliardi di euro. Cresce anche l’utilizzo della rete per servizi di informazione e intrattenimento: la spesa dei consumatori per abbonamenti online legati a news, video e musica ha già raggiunto i 200 milioni di euro all’anno”.

Proprio sul tema Internet in Sala Plenaria si alterneranno alcuni protagonisti esperti del settore, introdotti da un talk ispirazionale di Paolo Iabichino. Dato che il processo di trasformazione digitale riguarda anche il settore della Pubblica Amministrazione (il Team per la Trasformazione Digitale del Governo Italiano presenterà i risultati del lavoro svolto e lo stato della digitalizzazione delle PA), avranno luogo talk, dibattiti, workshop e speech formativi per capire meglio le strategie e i prodotti digitali innovativi proposti al fine di semplificare e rendere più efficienti i servizi per i cittadini, la Pubblica Amministrazione e le imprese.

Saranno presenti, inoltre, il professore Andrea Segrè, Eleonora Cogo del Centro Euro-Mediterraneo dei cambiamenti Climatici e l’architetto Mario Cucinella, Maurizio Carta per parlare di Intelligenza Artificiale, Smart Cities e Sostenibilità Ambientale e Alimentare.

Altri momenti di confronto importanti saranno: il Cyberbullismo, con la testimonianza di una vittima di violenze online, grazie alla collaborazione di Crime+Investigation; l’Accessibilità in riferimento alla comunicazione digitale (e non) per le persone non udenti; e la Legalità, per un evento diventato, oggi più che mai, punto di riferimento per la digital e social innovation, anche a livello internazionale.

Tra memoria, educazione alla legalità e potenzialità del digitale: al Web Marketing Festival 2018 arriva un panel dedicato con ospiti di spicco

Non mancherà quindi una sessione sul tema “Legalità”, i cui protagonisti sono personaggi chiave quali Angelo Corbo, tra i sopravvissuti della scorta Falcone, Giovanni Paparcuri, sopravvissuto all’attentato che ha tolto la vita a Rocco Chinnici e “informatico” del pool antimafia con Falcone e Borsellino, Roberta Iannì, figlia dell’imprenditore Carmelo Iannì assassinato da Cosa Nostra per aver collaborato alle indagini che condussero all’arresto del boss Gerlando Alberti. Piergiorgio di Cara, ex-vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato, scrittore e sceneggiatore, sarà il moderatore d’eccezione.

“Ogni volta che mi viene chiesto, descrivo sempre il Web Marketing Festival come uno strumento inclusivo che, partendo dal digitale e dall’innovazione, possa essere impiegato per lavorare alla costruzione di un contesto socio-economico migliore, trattando anche quelle tematiche che rischiano, altrimenti, di essere ignorate. Essere imprenditori oggi vuole dire farsi carico di azioni, attività e responsabilità che hanno un impatto sulla costruzione della società. Nell’anno in cui ricorrono i 35 anni della morte di Rocco Chinnici – padre del “pool antimafia” – non potevamo esimerci dal ricordare il lavoro svolto da uomini come lui e dagli uomini delle scorte. Un atto dovuto per ricordare i protagonisti chiave nella lotta alla mafia e guardare alle possibilità offerte dal digitale nel promuovere e diffondere la cultura, appunto, della legalità”, spiega Cosmano Lombardo, “quello che andrà in scena sul palco della Sala Plenaria sarà un momento emozionante e d’ispirazione, che ci permetterà inoltre di capire come il digitale giochi un ruolo centrale nella lotta contro le mafie e nelle attività di educazione, informazione e sensibilizzazione verso la diffusione della cultura della legalità”.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook