In Stato di Grazia: destino o genetica?

In Stato di Grazia: destino o genetica?

In Stato di Grazia tre artiste raccontano con Grazia e delicatezza il dolore dei diversi, sperando di non ferire, ma anzi di portare una luce mostrando che i limiti, la diversità, non precludono perentoriamente all'individuo la possibilità di cambiare il proprio percorso. Ci ricorda anche che gli apprendimenti qualitativamente importanti, nascono all’interno di una relazione di fiducia serena, illuminata da un ottimismo educativo e che attività socio-culturali inclusive, sviluppano e danno forma ai processi cognitivi di tutti.
foto-articolo
Teatro - 8 Dicembre 2022

di Raffaella Roversi

Condividi: