Definiti i piani dell’Astana per il 2014: Nibali fa il Tour, Scarponi e Aru il Giro

Definiti i piani dell’Astana per il 2014: Nibali fa il Tour, Scarponi e Aru il Giro

Astana Pro TeamLa formazione kazaka dell’Astana ha assegnato, in gran parte, i ruoli alle sue tantissime stelle per quel che riguarda il Giro d’Italia e il Tour de France al via nel prossimo 2014. La formazione di Alexandr Vinokurov sarà guidata ancora da Vincenzo Nibali, dal nuovo arrivato Michele Scarponi e da Fabio Aru, classe 1990, che quest’anno proverà a imporre il proprio talento, davvero degno di nota. Vincenzo Nibali, come previsto da tempo, tenterà di conquistare il Tour de France, l’ultimo Grande Giro che manca nella sua bacheca. Scarponi farà classifica al Giro, con Aru pronto a correre da co-capitano.

L’Astana dei prossimi anni, comunque, guarderà sempre di più all’internazionalità, non fissando i propri confini solo sui grandi giri europei e sulle Classiche del Nord: in un futuro non troppo lontano, per Nibali potrebbe esserci una partecipazione al Tour of Beijing. Per adesso il siciliano si concentra sul Tour, come confessato a spaziociclismo: “mi concentrerò nella prima parte dell’anno sul lavoro per le Classiche, per poi spostare l’attenzione sulle corse da affrontare per l’avvicinamento al Tour. In generale, la stagione non inizia e finisce con la Grande Boucle.” Al suo fianco, ci sarà, come sempre negli ultimi anni, Alessandro Vanotti: “l’ho preso subito in camera con me ai tempi della Liquigas, sto con lui da sempre e fin dall’inizio sapevo che sarebbe arrivato dove è ora.” Con il siciliano, ci sarà anche Jakob Fuglsang.

Michele Scarponi, passato quest’anno all’Astana, correrà il Giro d’Italia con l’obiettivo di entrare nella Top 5. Non solo la Corsa Rosa, però, negli obiettivi del marchigiano: “il mio compito sarà anche quello di aiutare Nibali al Tour de France. Per il Giro, ho dimostrato di non andare mai oltre il quinto posto negli ultimi anni, quindi troverò il modo di fare classifica anche il prossimo anno.” Insieme a lui, ci sarà Fabio Aru: “sono molto contento di avere al mio fianco Scarponi, se lui va forte sarò ben contento di fargli da spalla. Anche Nibali, quando era con Basso, ha dimostrato che bisogna prima aiutare e poi imparare.” Il sardo, considerato uno dei migliori talenti italiani per le corse a tappe, sarà seguito come un’ombra da Paolo Tiralongo: “Aru vive vicino casa mia, siamo tutti i giorni insieme. Già quest’anno ha corso sempre con me. È testardo e non molla mai, avrà le possibilità per raccogliere qualcosina.” La colonia italiana dell’Astana è unita e compatta, i presupposti per fare un grande 2014 ci sono tutti.

Giacomo Di Valerio

30 novembre 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook