Basket NBA: Jr Smith rinnova con i CAVS

Basket NBA: Jr Smith rinnova con i CAVS

Quadriennale firmato da J.R Smith con i Cleveland Cavaliers, dopo i vari NO del giocatore alle offerte della società finalmente la fumata bianca.

Il braccio di ferro è quindi giunto al termine. Smith ha rinnovato con i Cleveland Cavaliers con un quadriennale da 57 milioni di dollari arrivando nel 2020 come un Unfrestricted Free Agent.

Il contratto è strutturato con un compenso da circa 13 milioni per i primi due anni, 14,7 per il terzo e 15,6 per il quarto. Ricordiamo che J.R ha rifiutato una player option subito dopo le Finals di quest’anno proprio per arrivare ad un compenso annuale vicino ai 15 milioni. A dire la verità i CAVS non erano intenzionatissimi a sborsare questa cifra, dato che con i loro 70 milioni erano la squadra con il monte salari più alto di tutta la NBA.  Per questo sono costretti a pagare una non indifferente luxury tax, questo però prima dell’aumento del salary cap per le squadre della lega .

La dirigenza rimane comunque ben consapevole di quanto un salary cap appesantito da stipendi alti sia vincolante per una franchigia NBA. Oltretutto, come abbiamo detto in precedenza, conta già a libro paga stipendi non proprio da impiegato. Due su tutti quelli di LeBron James e Kevin Love.

smith-2

L’operazione di rinnovo è stata comunque viziata anche dall’interesse di altre squadre, vedi Boston Celtics e Philadelphia 76ers, che hanno presentato diverse offerte alla guardia di Freehold, New Jersey, e dalle pressioni fatte dal leader maximo Lebron James che più volte ha espresso pubblicamente la volontà di avere al suo fianco anche nei prossimi anni J.R definendolo una risorsa essenziale per la franchigia dell’ Ohio. Alla fine ognuno ha comunque avuto ciò che desiderava, o quasi. Compreso il re che non ha perso uno dei suoi cavalieri più fedeli in vista di una stagione di riconferma che si preannuncia durissima per i Cavaliers, come lo è stata per quasi tutte le squadre che hanno vinto la NBA.

Jr Smith, dalla Cina al titolo NBA.

Smith è una delle storie della NBA. Dopo aver giocato a buoni livelli agli Hornets, ed aver fatto parte di una splendida edizione dei Nuggetts, finisce in Cina per una stagione nel periodo del lockout. Qui registra cifre da capogiro, arriva a segnare 60 punti in una partita. La resistenza che trova però, considerando il suo livello di gioco, è davvero poca. Una volta finita l’esperienza nel celeste impero Smith comincia a cercare una squadra NBA ma la cosa non si rivela facile.

Il motivo sono i suoi pregressi fuori dal campo. Jr negli anni è riuscito a mettersi numerose volte nei guai, fino a conquistare la fama di cattivo ragazzo.  Nel 2007, assieme al suo compagno Carmelo Anthony è stato coinvolto in un incidente, provocato da lui. L’accaduto ha ovviamente generato un alterco che ha fatto si che i due perdessero lo shootaround prima di un match con i Blazers. Qualche mese dopo ancora guai al volante. Stavolta molto più gravi purtroppo. Infatti, dopo non essersi fermato ad uno stop, si è scontrato con una seconda auto ribaltando il SUV che stava guidando. Assieme a lui nell’auto c’era un suo caro amico che, a causa delle ferite riportate alla testa, perse la vita due giorno dopo. Questa vera e propria tragedia costò inoltre a Smith 90 giorni di prigione e 7 partite di sospensione. Il 13 ottobre dello stesso anno fu anche protagonista di una rissa in discoteca, gli costò altre 3 giornate di squalifica.

Dopo tutte queste “marachelle” la ricerca di un contratto fu molto difficile. Ma i New York Knicks vollero credere nelle sue capacità ed alla fine lo firmarono. Con lui andarono a completare una squadra che già aveva a roster Melo Anthony e Studamire. Di li a breve però i Knicks si pentirono di avergli dato la loro fiducia. Nel 2012 e nel 2013 Jr infatti fa ancora parlare di se. Prima finisce nuovamente in manette a Miami per guida senza patente di uno scooter. L’anno successivo invece salterà le prime due settimane di stagione. A seguito di un controllo, il giocatore fu trovato positivo alla marijuana. I Knicks furono molto felici di inserirlo quindi in una trade che lo portò a giocare ai Cavaliers.

Da quando ha messo piede in Ohio c’è stato un vero cambio radicale. Anche perché Cleveland non è esattamente New York in quanto a vita notturna. In qualche modo il contesto CAVS, e maggiormente la presenza di LeBron James, riescono a  tenerlo a bada. Convogliando la sua attenzione sul basket i Cavaliers riescono a fare di lui un uomo fondamentale del quintetto. Diventa inoltre uno dei giocatori preferiti dai tifosi nella conquista del primo titolo NBA dei CAVS. Da cattivone senza squadra a rinnovo quadriennale. La particolare storia di Jr Smith.

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook