Olimpiadi: sorpresa Occhiuzzi: nella sciabola arriva l’ argento! Delude la Pellegrini nel nuoto…

Nessuno se l’aspettava, ma Diego Occhiuzzi, 31enne sciabolatore di Napoli, corona il suo sogno e vince la  sua prima medaglia d’argento alle Olimpiadi di Londra. L’atleta italiano inarrestabile in tutte le gare, ha dovuto arrendersi solo di fronte all’ungherese Szilagy che ha conquistato l’oro con il punteggio di 15 a 8. L’impresa del napoletano si può certamente allineare a quelle dei grandi campioni del passato della sciabola. La sua prestazione è certamente da elogiare, anche perchè il suo successo arriva dopo aver battuto per la terza volta in semifinale il grande Aldo Montano:  ” E’ un sogno inaspettato, anche se in fondo ci credevo.

Ora neanche me ne rendo conto. Ho iniziato in ritardo – spiega Occhiuzzi – ed ho sbagliato tattica  e quando ho provato a recuperare era troppo tardi, ma alla fine un argento è sempre un argento”. E’ vero – riprende il vice campione olimpico – mi chiamo Diego anch’io, con chi lo paragona a  Maradona, ma io sono nato nel 1981, prima che lui venisse a Napoli. Qui sembrava il S. Paolo. Tutto lo stadio urlava ” Diego Diego.” Non mi sono mai divertito così. Ora sono tra i grandi campioni.  Occhiuzzi poi ricorda la sua infanzia: ” Da quando avevo sei anni, è stata una sofferenza per arrivare fin qui. Ora c’è solo da festeggiare, poi si penserà alla competizione a squadre.”

Delusione invece nel nuoto. Federica Pellegrini non ce l’ha fatta a vincere una medaglia. La nuotatrice italiana che molto aveva dato nelle precedenti occasioni, è giunta quinta nei 400 stile libero. La giornata non lasciava presagire nulla di buono, anche perchè la campionessa italiana durante la gara ha perso colpi evidenti di fronte alla francese Camille Muffat che  si è aggiudicata l’oro. Per Federica comunque c’è la possibilità del grande riscatto nei 200 stile libero. ” E’ la sua specialità e fa meno fatica” – ha detto il  suo preparatore Claudio Rosetto.  Federica con grande delusione dice: ” Cosi non va, ma ho dato tutto. Mi ero preparata benissimo. Ero entrata in piscina per andare all’attacco, ma fisicamente non ci sono riuscita. Quello che faccio in allenamento – ha spiegato la nuotatrice – non riesco a trasferire in gara. Sono comunque pronta a voltare pagina. La testa non mi manca, anche se questa non sempre può fare tutto.” 

Luigi Rubino

30 luglio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook