MotoGP Estoril: secondo acuto di Stoner. Rossi migliora: è settimo

Il campione australiano trionfa per la seconda volta in Portogallo davanti al duo spagnolo Lorenzo e Pedrosa. Dovizioso va vicino al podio ma è solo quarto.Primi punti per Pirro. Rientra nei primi 15 anche Petrucci. Pasini si ritira.

Continuano a fare un campionato a se il trio composto da Stoner, Pedrosa e Jorge Lorenzo. I tre piloti si sono dati battaglia fino all’ ultimo, preoccupati, o quasi della tenuta delle gomme a mescola morbida, ma il più lesto a gestire la situazione è stato Stoner. L’ australiano bissa il successo di una settimana fa a Jerez e, torna al comando della classifica piloti, con un vantaggio minimo sul rivale spagnolo della Yamaha.

E’ la 35 ° affermazione in MotoGP, 52° nel Motomondiale per il pilota della Honda. Non è riuscito a tenere il passo per  provare,poi, l’affondo Lorenzo  che, ha subito un ritardo di oltre un secondo. Ha opposto meno resistenza Pedrosa che, si è dovuto accontentare del gradino più basso del podio. Le qualifiche,invece, avevavo regalato un elettrizzante testa a testa in casa Honda, tra il campione del Mondo in carica e camomillo Pedrosa . Come era prevedibile aveva avuto la meglio l’australiano  che,aveva strappato la prima pole della stagione nella nuova era a 1000 cc. Solo 13 miseri millesimi il distacco alla bandiera scacchi . Aveva fatto solo il quarto tempo Jorge Lorenzo, costretto ad abortire il suo ultimo tentativo dopo aver comandato la classifica per 50 dei 60 minuti di prove. Il Porfuera chiudeva così una striscia di 4 pole consecutive.

Stato di forma buono per Cal Crutchlow, in sella alla Yamaha Tech 3 che, ha perso il confronto interno con Andrea Dovizioso ma, ha confermato di essere uno dei piloti più veloci sul giro singolo del pianeta, dopo la prima fila conquistata ieri, in cui si è fatto notare con Pedrosa e Stoner. Alla fine si è piazzato terzo con un ritado di solo 101 millessimi dal primato. In gara ha perso due posizioni. Per il primo dei piloti italiani,invece, un buon week end che, lo ha visto sfiorare il podio, dopo il settimo tempo ottenuto nelle qualifiche. Non ha cambiato la sua prestazione Bautista che, ha mantenuto la sesta piazza.

Torna ad essere il miglior ducatista in classifica Valentino Rossi che, riesce a guidare meglio, strappando il nono tempo nelle prove del sabato, con un ritardo di soli 800 millesimi dalla vetta e,  arriva settimo in gara ma, con un disacco di 26 secondi dai primi. C’è molto da lavorare ancora, perchè il risultato di domenica, in termini di prestazione non è rassicurante. Stesso discorso per Hayden che, è finito undicesimo, dopo aver strappato il decimo tempo ieri ma, con un passo di gara preoccupante (oltre il minuto). Niente da fare neanche per Barbera,lontano dai piazzamenti che contano. Abraham, invece, è incappato in una rovinosa caduta a cinque giri dal termine. Dopo aver ostacolato Pedrosa nel traffico ed aver firmato ieri il quinto tempo  , Ben Spies si è perso, incassando un ritardo di più di 30 secondi dal suo compagno di squadra in Yamaha Lorenzo.

Nelle CRT è uscito di scena per infortunio Colin Edwards che, ha attraversato un sabato terribile con la brutta carambola con De Puniet che, gli ha causato una frattura alla clavicola sinistra. . Questo ritiro ha spalancato le porte alla doppietta delle Aprilia- ART di Espargaro e Randy De Puniet , con il francese che, è riuscito a riprendersi dal terribile contatto con l’ americano Edwards. Sorprende il primo degli italiani Michele Pirro che, riesce ad andare a punti per la prima volta con la FTR Honda, classificandosi 14° (scalate due posizioni). Dietro di lui un altro italiano, la loda di Danilo Petrucci . Si ritira Pasini che  scivola nel corso della gara, dopo essere partito diciasettesimo.

Parte benissimo Stoner, che viene affiancato da Pedrosa. Dani si gioca subito il primo jolly con una paurosa imbarcata, lasciando la seconda posizione a Lorenzo. Buono l’avvio di Rossi che sale settimo mentre, retrocede decimo Barbera. Dovizioso è già quinto. Stoner prova subito a scappare, chiude in testa il primo giro con un secondo di vantaggio su Lorenzo, alle loro spalle classifica invariata se non per la settima posizione con Rossi che riesce a passare Bautista, puntando nel mirino le Yamaha Tech 3 di Crutchlow e Dovizioso. Al secondo giro Stoner continua a martellare. Ben Spies sbaglia tutto arrivando fuori traiettoria e, viene sopravvvanzato da  Crutchlow e Dovizioso. Bautista si riprende la settima piazza a scapito di Rossi con un chirurgico sorpasso alla staccata della prima curva in fondo al rettilineo dei box. Intanto Jorge Lorenzo  riduce il gap da Stoner, resta a ruota anche Pedrosa.  Dovizioso passa alla prima curva Crutchlow, per la quarta posizione. Più staccato è Bautista che precede Spies, il quale ha scavalcato Rossi che, si riprende immediatamente il posto.   Il primo dei piloti in sella ad una CRT è Espargaro 13° . All’undicesimo giro Stoner e Lorenzo sono a ruota , racchiusi in 130 millesimi , con Pedrosa che è leggermente più distante. Nel frattempo si registra un’ecatombe di CRT: dolorante per la caduta nel Warm Up Ivan Silva che si ferma ai box mentre, perde l’anteriore della propria ART Mattia Pasini. Si ritira  Yonny Hernandez che,vola a terra in curva. La gara non decolla ma, l’unico a provarci è  Abraham che, finisce per incappare in una rovinosa caduta alla curva 8 ,nel tentativo di recuperare terreno su Nicky Hayden, 11° e ultimo tra i piloti MotoGP 1000cc.  Viene doppiata la prima CRT di Danilo Petrucci dal terzetto di testa ed è l’unica nota da segnalare, visto che Stoner regola Lorenzo e, conquista la seconda vittoria stagionale. Ora i due piloti sono divisi da un solo punticino. Chiude terzo Pedrosa.

bwin Grande Premio de Portugal – Circuit of Estoril
6 maggio 2012

Classe MotoGp:

1. Casey Stoner (Aus/Honda)  45’37.513
2. Jorge Lorenzo (Spa/Yamaha)  + 1.421
3. Dani Pedrosa (Spa/Honda) + 3.621
4. Andrea Dovizioso (Ita/Yamaha) + 13.846
5. Cal Crutchlow (Gbr/Yamaha) + 16.690
6. Alvaro Bautista (Spa/Honda)  + 21.884
7. Valentino Rossi (Ita/Ducati)  + 26.797
8. Ben Spies (Usa/Yamaha)  + 33.262
9. Stefan Bradl  (Ger/Honda)  + 35.867
10. Hector Barbera (Spa/Ducati)   +  53. 363
11.  Nicky Hayden (Usa/Ducati)  + 1’02.630
12. Aleix Espargaro  (Spa/ART)  + 1’20.736
13. Randy De Puniet (Fra/ART)   + 1’20.736
14. Michele Pirro (Ita/FTR)      + 1’37.905
15. Danilo Petrucci (Ita/Loda)   + 1 giro

Non classificato:

Karel Abraham (Cze/Ducati) 
James Ellison   (Gbr/ART) 
Yonny Hernandez  (Col/FTR) 
Mattia Pasini  (Ita/ART)
Ivan Silva  (Spa/FTR) 

Classifica piloti del Mondiale:

1.  Casey Stoner (Aus/Honda)          66 punti
2.  Jorge Lorenzo (Spa/Yamaha)       65 punti
3.  Dani Pedrosa (Spa/Honda)           52 punti
4.  Cal Crutchlow (Gbr/Yamaha)       37 punti
5.  Andrea Dovizioso (Ita/Yamaha)   35 punti
6. Alvaro Bautista (Spa/Honda)         29 punti
7. Stefan Bradl  (Ger/Honda)              24 punti
8.  Nicky Hayden (Usa/Ducati)          23 punti
9. Valentino Rossi (Ita/Ducati)            22 punti
10. Hector Barbera (Spa/Ducati)         19 punti
11. Ben Spies (Usa/Yamaha)               18 punti
12. Aleix Espargaro  (Spa/ART)          9 punti
13. Randy De Puniet (Fra/ART)          6 punti
14. Colin Edwards (Usa/Suter)            4 punti
15. Danilo Petrucci (Ita/Loda)             4 punti
16. Mattia Pasini  (Ita/ART)                 2 punti
17. Yonny Hernandez  (Col/FTR)         2 punti
18. Michele Pirro (Ita/FTR)                  2 punti
19. Ivan Silva  (Spa/FTR)                     1 punto

Classifica costruttori del Mondiale:

1. Honda              70 punti
2. Yamaha            65 punti
3. Ducati              27 punti
4. ART-Aprilia      11 punti
5. Loda-Aprilia     4 punti
3. Ftr-Kawasaki    3 punti
5. Ftr                      2 punti

Armin Sefiu

10 maggio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook