ACQUE AZZURRE – La Pellegrini è d’argento!

ACQUE AZZURRE – La Pellegrini è d’argento!

federica-pellegrini-10-770x512Federica Pellegrini conquista l’argento nei 200m stile libero, con il tempo di 1’55”14, seconda solamente al missile statunitense, Missy Franklin, oro grazie al suo 1’54”81. Terzo posto per la francese Camille Muffat, 1’55”72. Risultato fantastico per la Fede Nazionale se si pensa che questa distanza non era prevista nel suo programma mondiale. Ma se c’è un’atleta che in assoluto rappresenta i 200m stile libero, quella è certamente la Pellegrini: in sei gare mondiali sulla distanza ha ottenuto 2 ori, 2 argenti e 1 bronzo. Veramente fantastica!

La Fede nazionale si è mostrata raggiante ai microfoni di Rai Sport subito dopo la gara: “Sono molto felice. Non mi sarei mai aspettata di competere con le migliori in una gara che non ho preparato.” Il risultato odierno la dice sicuramente lunga sulla naturalità con cui l’azzurra riesce a nuotare la sua distanza preferita, anche se lei stessa ieri, dopo la semifinale, non aveva nascosto la sua incredulità: “ho scelto di disputare questa gara per gioco, il risultato di oggi mi sorprende. Domani sarà un altro paio di maniche, cercheremo di essere più combattive che mai.” La combattività non è certo mancata in finale all’atleta italiana, che ha nuotato con estrema freddezza. Ha lasciato sfogare la Franklin e la Muffat, senza lasciarsi trasportare dal loro ritmo, fino agli ultimi 50m, quando ha messo in acqua una progressione micidiale, che l’ha portata a ridosso della statunitense, senza però riuscire a superarla.

Delusione per Mattia Pesce, che finisce ottavo nella finale dei 50m rana vinta dal sudafricano Cameron Van Der Burgh (26”77), davanti a Christian Spenger (26”78) e all’altro sudafricano Giulio Zorzi (27”04). Nulla da fare anche per Gregorio Paltrinieri, sesto negli 800m stile libero dominati dallo strapotere del cinese Sun Yang (7’41”36). Continua, invece, in casa italiana, lo strapotere dell’azzurrosa!

di Giacomo Di Valerio

1 agosto 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook