I giganti di Monte Prama

Le sculture di Monte Prama, sono la testimonianza forse più visibile insieme ai nuraghi della civiltà nuragica della Sardegna.

Scoperti a Cabras (or) nel 1974, i 5172 frammenti lapidei, sono stati oggetto di un accuratissimo lavoro di restauro ed appaiono oggigiorno, in tutta la loro maestosità e bellezza.

Questo importante lavoro è stato eseguito nei laboratori del Centro di conservazione e  restauro della Soprintendenza per i Beni Archeologici di Sassari e Nuoro,  a Li Punti (ss), dove un’equipe di archeologi, restauratori, archivisti, fotografi e disegnatori, del Centro di Conservazione Archeologica di Roma,  ha consegnato, delle statue ad un progetto di musealizzazione e considerando l’altissimo valore culturale e storico dei reperti anche la possibile   divulgazione pubblica.

Una parte delle statue saranno inviate al Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, Cabras, in locali ancora in via di allestimento, mentre una parte rimarrà nei saloni del Centro Restauro di Li Punti a Sassari.

Secondo alcuni tale divisione probabilmente avrà l’effetto di impoverire l’impatto e il valore culturale della collezione: i  reperti di Monte Prama hanno un valore culturale e archeologico unico non riscontrabile in tutto il bacino Mediterraneo.

Il presidente della Sardegna Ugo Cappellacci, ha parlato in una recente intervista, della possibilità di esposizione dei giganti di Monte Prama in Corea per l’Expo del 2012 e in Inghilterra per le prossime Olimpiadi, ipotesi in contrapposizione con l’opinione di Giovanni Lilliu  membro della Accademia dei Lincei e uno dei massimi conoscitori della Civiltà Nuragica, che oltre a non vedere di buon grado questa sorta di commercializzazione dei reperti, considera il trasporto rischioso.

Alcuni tra studiosi ed Archeologi della Sardegna, si sono dimostrati solidali con le idee di Giovanni Lillu e poco avvezzi a questa logica di divisione dei reperti e della loro utilizzazione mediatica da parte delle amministrazioni competenti.

di Antonio Bassu

30 dicembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook