Oristano: inizia il conto alla rovescia per “Sa Sartiglia 2015”

Oristano: inizia il conto alla rovescia per “Sa Sartiglia 2015”

IMG_3680

ORISTANO- Con l’investitura ufficiale dei due capi corsa, che avviene il 2 Febbraio, in occasione della Candelora,è iniziato il conto alla rovescia per la manifestazione più attesa da tutti gli oristanesi e non solo: la Sartiglia. La manifestazione ha origini medievali e si svolge a Oristano l’ultima domenica e martedì di Carnevale. La spettacolare manifestazione non è una semplice giostra equestre carnevalesca, è una festa nella quale si uniscono e si mescolano elementi della ritualità pagana e cerimoniali di origine cristiana. Si presume sia legata anche alla ciclicità delle stagioni, poiché svolge anche un rito propiziatorio sul raccolto.

La corsa della domenica si svolge sotto la protezione di San Giovanni Battista ed è organizzata dal Gremio dei contadini, quella del martedì si svolge sotto la protezione di San Giuseppe ed è organizzata dal Gremio dei falegnami. Entrambe le corse hanno un unico vero protagonista, il capo corsa, la divinità: su “Componidori”, una maschera androgina, massima autorità che ha il compito di guidare la corsa, un simbolo quasi sacro che con il suo passo solenne e il continuo benedire con “sa pippia de maiu”, il doppio mazzo di viole e  mammole, saluta la folla che lo acclama.

I “Componidoris” di quest’anno saranno Corrado Massidda, per la corsa della domenica e Alessandro Corbu, per la corsa delmartedì.

Le due giornate si apriranno con il “Bando”, un araldo a cavallo, per levie del centro storico, scortato dai tamburini e dai trombettieri della Sartiglia, darà lettura del “Bando della Sartiglia” invitando la popolazione a partecipare alla giostra equestre. A mezzogiorno nella sede dei gremi inizia l’emozionante vestizione del capo corsa, compiuta dalle donne in abito tradizionale sardo (Is Massaieddasa e Sa massaia Manna). Conclusa la vestizione su Componidori monta a cavallo e guiderà il corteo dei 120 cavalieri, preceduto dai tamburini e trombettieri, massaieddas edal gremio, verso via Duomo dove si svolgerà la corsa alla stella.

Qui dopo il triplice incrocio di spade ha inizio la corsa alla stella, la prima discesa è del capo corsa, a seguire i suoi compagni di pariglia e di seguito gli altri cavalieri, ai quali, Su Componidori consegnerà la spada con la quale tenteranno di infilzare la stella posizionata sopra un nastro verde al centro del percorso. Il tutto si concluderà con le discese con lo stocco  della pariglia del  capo corsa e con “sa Ramada” de su Componidori.

Il corteo si riunirà di nuovo e porterà i cavalieri sul secondo percorso, quello di via Mazzini, nel quale i cavalieri si cimenteranno nelle spettacolari evoluzioni a cavallo. All’imbrunire la manifestazione giunge al termine, il corteo si ricompone nuovamente verso la sede del gremio, dove si procederà alla “Svestizione” de su Componidori, che potrà finalmente scendere da cavallo e festeggiare con tutti la buona riuscita della giostra.

Oristano anche quest’anno, si sta preparando al meglio per offrire agli spettatori uno spettacolo unico, la macchina organizzativa è in piena fase operativa, nei prossimi giorni saranno montate le tribune lungo i percorsi che permetteranno agli spettatori di godere al meglio lo spettacolo. Una manifestazione ricca di storia, cultura etradizione che merita di essere vista per la spettacolarità delle esibizioni a cavallo, per la bellezza dei costumi e la magia della festa che si respira lungo le vie della cittadina del centro Sardegna, che fu capitale dell’antico Giudicato di Arborea.

Marilena Tuveri

4 febbraio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook