Vittoria dei Led Zeppelin, l’accusa di plagio non sussiste

Vittoria dei Led Zeppelin, l’accusa di plagio non sussiste

Concluso il processo che ha coinvolto Led Zeppelin e Spirit. Iniziato lo scorso 15 giugno il processo si è concluso due giorni fa con il verdetto rivolto a favore della storica band britannica.

Un’accusa di plagio mossa dagli eredi di Randy Wolfe e diffusasi già molti anni fa, che è stata portata davanti ad un tribunale negli ultimi anni, e concludersi definitivamente solo quest’anno. Una giuria californiana si è espressa a favore di Robert Plant e soci, affermando che l’accusa di plagio riguardante il brano più famoso della band, “Stairway to Heaven”, non sussiste. Il responso della giuria, composta da 8 cittadini californiani, si è rivolto unanime a favore degli Zeppelin, dopo aver ascoltato più volte il brano ed essere arrivati alla conclusione che le similitudini tra i due brani non sono sufficienti per poter parlare di plagio. La giuria, però, non si è espressa totalmente a favore della band inglese, infatti alcuni fatti messi in discussione dalla difesa non sono stati confermati. I giurati hanno riconosciuto gli eredi di Wolfe come unici ed effettivi titolari dei diritti del brano “Taurus”, inoltre, hanno confermato l’ipotesi che gli Zeppelin abbiano sicuramente ascoltato il brano degli Spirit prima della scrittura della loro megahit, ma che questo non sia abbastanza per poter indicare la pubblicazione il brano come pezzo nato da plagio. L’etichetta Warner Music ha espresso la sua felicità verso la vittoria della band, non appena diffusa la notizia, con queste parole : “Qui al Warner Music Group la priorità è supportare e proteggere i nostri artisti e la loro libertà creativa. Siamo felici che la giuria abbia deciso a favore dei Led Zeppelin, confermando l’originalità di “Stairway to heaven”. I Led Zeppelin sono una delle più grandi band della storia e Jimmy Page e Robert Plant sono autori impareggiabili che hanno creato molti dei brani più influenti nella storia del rock.”

Non ha tardato ad arrivare anche lo sfogo dei musicisti, i quali hanno ringraziato tutti coloro che hanno dimostrato loro sostegno, diffondendo questo messaggio : “Siamo grati del lavoro coscienzioso della giuria e siamo felici che abbia deliberato in nostro favore, mettendo a tacere i dubbi sull’origine di “Stairway to heaven” e confermando ciò che noi già sapevamo da 45 anni. Apprezziamo il supporto dei nostri fan e siamo impazienti di lasciarci alle spalle questa vicenda legale.”

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook