Nobel 2016, Bob Dylan si aggiudica il premio per la letteratura

Nobel 2016, Bob Dylan si aggiudica il premio per la letteratura

bob-dylan-2009Bob Dylan vince il premio Nobel per la letteratura 2016. La notizia arriva nella data in cui sono scoccati i 20 anni dalla sua prima candidatura ai Nobel e allo stesso tempo nel giorno della triste scomparsa d Dario Fo, il quale, nel 1997, tolse per un soffio la vittoria di questo prestigioso premio a Dylan.

Un personaggio chiave nella storia della musica mondiale, che ha elevato i suoi testi a nuova forma poetica, ragione per cui il comitato di Stoccolma ha deciso di assegnare a lui il premio. “Dylan ha creato una nuova espressione poetica nell’ambito della tradizione della grande canzone americana”. Questo l’annuncio della sua premiazione, accolto con grande gioia dalla folla presente, ma non dallo stesso Dylan, il quale, al momento dell’annuncio, ancora non sapeva di aver vinto. Un premio nell’aria da tempo, ma che tardava ad arrivare. Già nel 1996 il menestrello di Duluth era stato indicato dall’Accadema Reale Svedese come degno di questo riconoscimento, poiché i suoi testi avevano influenzato tutto il mondo elevando la musica a forma poetica contemporanea. Ha tardato ad arrivare, ma alla fine è arrivato introducendo Dylan nella cerchia composta da Ernest Hemingway, Saul Bellow e John Steinbeck. Un Premio che si aggiunge alla lunga lista dei riconoscimenti ottenuti dal musicista, che spaziano in ogni ambito, dai Grammy Awards alla carriera nel 1991 al Polar Music Prize nove anni dopo, fino ad un Oscar e Golden Globe nel 2001 per una colonna sonora ed un Pulitzer nel 2008 assegnatogli sempre per la carica poetica dei suoi testi.

Robert Allen Zimmermann ha veramente contribuito a plasmare e far evolvere la musica mondiale in un modo eccezionale, aggiudicandosi per questo uno dei più grandi riconoscimenti in merito, dando uno schiaffo morale a chi aveva scommesso contro la sua vittoria, rivelandosi come al solito uno dei più grandi musicisti di sempre.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook