Recanati inaugura il primo meeting nazionale sulla mobilità nei piccoli comuni turistici

di Roberto Mattei

Si terrà il 6 maggio 2011, alle 9,30, presso l’aula magna del comune di Recanati ed avrà come ordine del giorno il progetto T.A.S.M.A.C per una razionalizzazione dei trasporti nei piccoli centri urbani ad elevata affluenza turistica.
Recanati (MC), 06 MAG 2011 – E’ cominciato questa mattina alle 9.30, presso l’aula magna del comune di Recanati, il primo meeting nazionale sulla mobilità nei piccoli comuni turistici. Al centro dell’evento, il progetto T.A.S.M.A.C. (Tourism Accessibilities in Small Attractive Cities), acronimo di Trasporti nei piccoli centri ad elevata affluenza turistica. Si tratta di un piano della regione Marche, approvato e finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma “Life+”, avente come scopo lo sviluppo di un sistema integrato di trasporti all’interno di piccole realtà urbane ad elevata affluenza turistica, «obiettivo da raggiungere attraverso una serie di azioni, che vanno dalla razionalizzazione dell’accesso e del parcheggio nei centri, attraverso informazioni on line agli utenti, al coinvolgimento delle comunità nell’implementazione delle iniziative», ha spiegato l’assessore ai lavori pubblici del comune di Recanati Alessandro Biagiola, durante l’incontro tenutosi presso la sede della giunta regionale, lo scorso 25 marzo, tra il referente nazionale del progetto TASMAC, la regione Marche, e il comune di Recanati (partner).

«Anche il monitoraggio dell’inquinamento acustico e atmosferico – ha poi aggiunto  Biagiola – saranno passaggi di questo progetto triennale, che intendiamo inserire, quale modello d’eccellenza in un network internazionale». Dalle parole dell’assessore, si comprende come il convegno di oggi, verta tutto sull’analisi e lo studio delle metodologie più appropriate per favorire un sistema di trasporti adatto a gestire i flussi turistici nelle piccole realtà di provincia e contestualmente capace di salvaguardare la qualità dell’ambiente e della vita degli stessi. Un piano realizzabile attraverso l’ottimizzazione degli accessi e dei parcheggi  nei centri abitati, l’informazione agli utenti, il monitoraggio dell’inquinamento acustico e atmosferico e l’integrazione dei trasporti urbani.

Partecipano al meeting esperti nazionali dei settori specifici e amministratori locali.

 

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook