Senigallia: xenofobia nei confronti degli extracomunitari nei parcheggi

La richiesta di pochi spiccioli non deve far scadere nella xenofobia

Si deve porre attenzione a tale fenomeno tipicamente italiano considerando che nel momento del bisogno tutti noi siamo un poco tentati a chiedere aiuto al prossimo.
È chiaro che le istituzioni locali ed il comune in particolare, dovranno stare molto attente per rassicurare i cittadini affinché  la semplice questua non si trasformi in una sorta di minacciosa consuetudine, dato che fino ad ora al di là di qualche isolata lamentela non è stata formalizzata nessuna denuncia.

Il comune di Senigallia da sempre ha caratterizzato la propria mission nella massima espressività dell’accoglienza cittadina, qualificandosi tra i migliori portatori di Welfare locale.
È quindi prematuro se non deleterio ogni pensiero di paura che talune forme di comunicazione, (non informazione) locali pongono in campo tra la popolazione di Senigallia, tali comportamenti
conducono solamente al razzismo inconcludente.
In tutta Italia si possono riscontrare tali fenomeni a dimostrazione del  totale fallimento della linea della politica dei governi passati.
I diversi processi culturali dovranno essere integrati mediante una sapiente messa in opera dell’Amministrazione comunale che guidi i cittadini verso una maggiore comprensione mediante iniziative di solidarietà, di mediazione e di assistenza sociale.
Tutto ciò ha già avuto un inizio tangibile con l’aumento del fondo di solidarietà e l’attivazione del progetto sperimentale dell’autocostruzione a Cesano.
I cittadini, pertanto, non dovranno fare niente altro che collaborare con le varie Istituzioni presenti sul territorio nella ricerca di coesione sociale e di rinnovamento culturale, vigilando comunque che non si oltrepassi il confine del rispetto e del buon senso.

di Andrea Marasea

11 gennaio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook