Scoperta un’azienda marchigiana specializzata nella contraffazione di opere d’arte

di Roberto Mattei

Riproduceva i capolavori dell’artista umbro Elvio Marchionni con un proprio catalogo anch’esso contraffatto. Denunciato l’amministratore della società.

Ancona, 2 dicembre 2011 – Aveva rilevato l’archivio con le opere d’arte del pittore umbro Elvio Marchionni e organizzato una produzione “parallela”, ma è stata denunciata dagli uomini delle Fiamme Gialle di Perugia e Osimo.
E’ finito così il business di un’azienda osimana che si era specializzata nella contraffazione dei dipinti del famoso artista di Spello.

Tra i materiali sequestrati dai finanzieri durante le perquisizioni, 6 calchi che servivano per riprodurre le varie opere e circa 150 bassorilievi, per un valore commerciale di circa centomila euro. Le indagini erano iniziate qualche mese fa, quando il Marchionni aveva notato un sensibile calo delle vendite dei suoi lavori senza un apparente motivo. Era stato lui stesso a sollecitare gli accertamenti da parte dei militari.

Quando i finanzieri hanno fatto irruzione nell’azienda, hanno rinvenuto anche una copia contraffatta del catalogo originale, che serviva alla società per gestire i propri ordini, ai danni del pittore umbro. Inutile dire che l’amministratore dell’unità produttiva è stato denunciato per vendita di prodotti industriali con segni mendaci e violazione della legge sul diritto d’autore.

2 dicembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook