Popsophia: Civitanova sfida il maltempo a suon di Pop

di Pamela Alfonsi

Popsophia, il primo festival contemporaneo dedicato alla filosofia popolare, fa tripletta, e malgrado pioggia e vento, conferma il programma previsto per questo weekend che sará interamente dedicato alla fiction. La manifestazione che si svolge a Civitanova Marche, ha giá raggiunto un successo incredibile nei primi due appuntamenti, che hanno visto la partecipazione di personaggi illustri come Umberto Galiberti, Giordano Bruno Guerra, Antonio Preziosi, Alessandro Bergonzoni, Umberto Curi e Giulio Giorello per il fine settimana di esordio consacrato al tema della filosofia, seguito dallo scorso weekend da un altrettanto ricco programma dedicato alla mondanitá e al fashion, che ha ospitato Platinette, Franca Leosini, Giacomo Marramao, Arnaldo Colasanti, Remo Bodei, Barbara Aliberti e Antonio Gnoli.

 

Civitanova “al limite della capienza” dichiara l’entusiasta sindaco Massimo Mobili, che lo scorso fine settimana ha anche ricevuto una medaglia direttamente dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, come riconoscimento per il successo di tale iniziativa e come suo premio di rappresentanza a questa prima edizione del festival Popsophia. “Non c’é un unico fattore di successo, ma sono tanti, tutti ottenuti da una magistrale organizzazione” spiega il direttore artistico dell’evento Hermas Ercoli, commosso anche lui per il premio piombato dall’alto, un’ulteriore testimonianza del trionfo della manifestazione, oltre alla forte affluenza del pubblico. “Il pop é come il mithos di Protagora in cui ci si interroga sul mondo. Oggi il mithos é la tv, il cinema, lo spettacolo, noi lo abbiamo stravolto lanciando un messaggio: non é solo intrattenimento, ma puó essere una riflessione per e tra la gente sulla veritá, sul ragionamento, creare il dubbio sui perché” continua Ercoli, che da stasera sará impegnato a fare da direttore d’orchestra al terzo appuntamento che avrá come tema portante quello della fiction, quella trovata geniale che negli ultimi anni ha incollato milioni di spettatori di fronte al piccolo schermo, facendoli piangere, sognare e arrabbiare seguendo le vicende dei personaggi delle, ormai incontabili, reality show e serie tv.

 

Appuntamento con “Fingere“, questa sera alle 21 e 30 al Lido Cluana, dove Massimo Cacciari, filosofo ed ex sindaco di Venezia, parlerá del rapporto tra reale e virtuale. Alla pescheria in via Pola alle 22 e 30, ci saranno Fabio Bruno e Fabrizio Renzi con “Scacchi e Tecnologia“, seguito dal progetto Civitanova Danza con “Danza urbana“, presente anche in Piazza della Conchiglia.

Alle 23 e 30 per il tema Passeggiate mentali, Franco Rustichelli in Piazza XX Settembre alla galleria Per Mari e Monti, si cimenterá nell’argomento “I buchi Neri”; mentre alla stessa ora nella libreria Mondadori di Corso Vittorio Emanuele, interviene Eleonora Marsili con “I notabili e Giacomo Ricci”, all’interno della rassegna Tricolore, dedicata all’unitá d’Italia.

 

E questo é solo il venerdí. Per sabato e domenica sono previsti dei personaggioni come Aldo Busi, che parlerá apertamente del rapporto tra la veritá-realtá e tra la fiction-reality, Pop-Spettacolo previsto in Piazza della Libertá alle 21 e 30. Il Chiostro di Sant’Agostino ospiterá la Pop Philosophy: il via sempre alle 21 e 30 con Michele Di Francesco, esperto di filosofia cognitiva e della mente e preside della Facoltà di Filosofia dell’Università San Raffaele, che esporrá “Cyborg per nascita?”; seguito alle 22 e 30 da Simone Regazzoni con “Filosofiction”. Questo autore forse uno dei simboli per eccellenza di questo movimento, tenterá di spiegarci cosa sia la pop filosofia, mentre si riproporrá domenica alle 21 e 30 dando una lettura filosofica a Lost, forse una delle serie piú emblematiche e semanticamente ricche della storia della tv.

 

Un’altra Consulenza filosofica quella di Roberta Sala che argomenterá “Realtá e/o fantasia” alla Mensa Sant’Agostino, mentre per il Caffé Letterario all’ex pescheria, alle 23 e 30 uno degli appuntamenti piú attesi “Twilight, filosofia della vulnerabilitá“, con Monia Andreani che sará introdotta da Lucia Tancredi. Domenica 31, a conclusione del terz’ultimo weekend di Popsophia, ci sará invece un volto noto della televisione, nonché grande conoscitore di musica e fumetti, Vincenzo Mollica, che intavolerá una discussione in merito dal titolo “Viva l’Italia”. Altra analisi filosofica prevista al Chiostro Sant’Agostino oltre al giá citato Regazzoni é quella di Carola Barbero che parlerá invece della notissima Sex and the city, ovviamente sfumando con i toni rosa del filosofico.

 

Questi solo alcuni degli appuntamenti, senza menzionare i diversi spettacoli musicali e concerti live, le mostre fotografiche presenti, le varie rassegne ed incontri: un festival che deve il suo enorme successo proprio alla contaminazione, da quella letteraria alla filosofica, intervallando con una pausa musicale, dando uno sguardo futuristico, il tutto sempre in chiave popolare, dove lo spettatore non é piú un soggetto passivo, ma diventa anch’egli filosofo e partecipe della storia, almeno di quella civitanovese.

 

Da non perdere anche il prossimo fine settimana, dove ci sará l’astrofisica e scienziata Margherita Hack a darci una mano ad interpretare il Futuro, il tema principale e conclusivo di Popsophia. Saranno inoltre presenti Federico Moccia, Enrico Ghezzi, Elio Matassi e Amedeo Goria, nomi di tutto rispetto che andranno a chiudere questa straordinaria manifestazione marchigiana.

Il futuro di Popsophia? Sicuramente roseo.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook