A Rocca Costanza arriva il festival contemporaneo della “Popsophia”

La nota manifestazione della filosofia popolare si terrà nella cittadina pesarese dal 3 al 7 luglio

Popsophia è il festival del contemporaneo che da tre anni illumina di filosofia, cultura e arte le terre marchigiane. Striscia per le vie, si insinua nelle scuole e nei teatri, si rende protagonista nelle piazze. Finora è stato relegato fisicamente a Civitanova Marche e Civitanova Alta, per questa edizione invece si trasferisce a Pesaro, precisamente a Rocca Costanza dal 3 al 7 luglio.

Il tema è cambiato ogni anno, ora è la volta di indagare con la filosofia, la contemporaneità e l’arte se nella società odierna c’è ancora la figura dell’eroe e dell’antieroe. Saranno tante le sezioni che verranno interrogate sull’argomento, dal cinema (popcorto) alla scienza (popscienza), non dimenticando gli spettacoli, le riflessioni filosofiche e i dibattiti aperti.

Gli ospiti che interverranno saranno filosofi, giornalisti, uomini di spettacolo, di arte e di sport. Tutto, per gli organizzatori, è pop poiché popolare, e d’altra parte tutto è anche filosofia, perché non c’è modo di pensare senza fare un po’ di filosofia, anche nel quotidiano, anche e soprattutto nel contemporaneo. E poiché il festival scava nella filosofia POPolare, l’immagine copertina dello stesso è stata scelta dal suo pubblico, tramite il voto on-line. Racconta di un Batman – Don Chisciotte e di un Robin – Sancho Panza avviliti e sconfitti dai mulini a vento. Chissà se i miti di oggi sono così visionari come il protagonista del celebre romanzo di Cervantes, oppure più razionali come il suo buon amico consigliere.

Tra rassegne, visioni, mostre e tanto di più ci si interrogherà su vari temi e si cercherà di usare i sensi, da quelli razionali, come quando si usa la logica filosofica, a quelli più emozionali, di quando cioè ci si immerge in un’opera d’arte e si rimane colpiti da un punto di vista e da un’emozione; per arrivare ad essere liberi pensatori e liberi fruitori.

 

Marina Mannucci

24 giugno 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook