Fermo, tunisino sorpreso a spacciare eroina, arrestato

Le forze dell’ordine l’hanno colto in fragranza di reato. Nella stessa zona, pochi giorni prima, era stato fermato un ragazzo di 25 anni con alcuni involucri di eroina nascosti nell’abitacolo della sua autovettura.

Gli agenti della sezione anticrimine del commissariato di Fermo, impegnati in attività di controllo e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno fermato un cittadino tunisino di 41 anni residente a Porto Sant’Elpidio, mentre consegnava delle dosi di eroina a una coppia di tossicodipendenti. Immediata è scattata la perquisizione domiciliare. Nell’appartamento dell’extracomunitario i poliziotti hanno rinvenuto altri involucri di droga, già confezionati e pronti per essere immessi sul mercato locale, accuratamente nascosti all’interno di un materasso. Per l’uomo sono quindi scattate le manette con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti e su disposizione dell’autorità giudiziaria è stato rinchiuso nel carcere di Fermo.

Due giorni prima, le forze dell’ordine avevano arrestato un altro spacciatore, M.D., italiano di 25 anni, già noto agli investigatori per piccoli reati legati al mondo della droga, mentre cedeva una dose di eroina a un giovane tossicodipendente. I poliziotti, che da tempo seguivano i suoi spostamenti, hanno aspettato che il pusher consegnasse lo stupefacente passandolo dal finestrino della sua auto all’acquirente e sono subito intervenuti. Durante la perquisizione sono stati rinvenuti addosso allo stesso circa duemila euro in contanti, considerati proventi dello spaccio, oltre a sette involucri di eroina abilmente celati sotto i tappetini dell’autovettura. Tutto ciò è bastato per far scattare le manette anche a lui. Il giovane si trova ora nel carcere di Fermo a disposizione dell’autorità giudiziaria.

I due arresti portati a compimento in territorio fermano, evidenziano ancora una volta come le sinergie messe in atto tra i vari reparti della polizia di Stato nelle attività di prevenzione, controllo del territorio e mantenimento della sicurezza, stiano dando risultati molto positivi e concreti.

 

Roberto Mattei

4 giugno 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook