Tragico schianto in A14, muore un bambino di 11 anni

Tragico schianto in A14, muore un bambino di 11 anni

Il piccolo era a bordo di una Opel Frontera guidata dallo zio. Lo scontro al Km 297, tra le uscite di Grottammare e Pedaso, in direzione nord. Cinque i feriti, tra cui la mamma e la sorella in condizioni gravissime. Fatale l’urto del mezzo contro un Tir.

Tragedia, la notte scorsa, sull’autostrada adriatica, tra gli svincoli di Grottammare e Pedaso, in direzione nord. A perdere la vita un bambino di undici anni, a seguito di un bruttissimo incidente stradale avvenuto nella galleria “acqua rossa”, all’altezza di Cupra Marittima, poco prima della mezzanotte. All’interno dell’autovettura – una Opel Frontera guidata dallo zio del bambino – viaggiavano sei persone, tutte originarie del cremonese

A quanto pare, durante una manovra di sorpasso, il fuoristrada ha urtato il rimorchio di un camion: l’auto si è così ribaltata, carambolando più volte e strisciando sul fondo stradale per alcune centinaia di metri. Nel forte impatto il fanciullo è stato sbalzato fuori dall’abitacolo ed è piombato sull’asfalto morendo sul colpo. Gravissime le condizioni della madre e della sorella, entrambe ricoverate in prognosi riservata presso l’ospedale di San Benedetto del Tronto, mentre non destano particolari preoccupazioni gli altri componenti del nucleo familiare.

La dinamica dell’incidente è ancora in fase di ricostruzione da parte della Polizia Stradale, anche se, dalle prime testimonianze raccolte sul posto, pare che il mezzo avesse perso il controllo per lo scoppio di un pneumatico. Sul posto sono intervenuti gli uomini dei vigili del fuoco, del 118 e della polizia stradale, mentre i mezzi coinvolti nell’incidente sono stati posti sotto sequestro, a disposizione della procura di Fermo che ha aperto un fascicolo per il reato di omicidio colposo.

La famiglia  stava facendo ritorno a casa dopo aver partecipato a una cerimonia in Puglia. Il traffico è rimasto bloccato fino alle prime luci dell’alba.

di Davide Nazzari

14 maggio 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook