Banda di extracomunitari sequestra e picchia una famiglia fanese

di Roberto Mattei

Pesaro, 20 giguno 2011 – Un’esperienza tutta da dimenticare quella vissuta dalla famiglia Carnaroli la notte scorsa, intorno alle 2.30, nel quartiere di Gimarra, a Fano. Una banda di sei cittadini stranieri ha fatto irruzione nella loro villa sequestrando il padre Alfonso, ex bancario, la moglie e il figlio Tommaso, di 32 anni. I malviventi hanno prima isolato il cane in una camera adibita a disimpegno, dopodiché si sono messi alla ricerca del denaro e dei preziosi. Non riuscendo a trovare ciò cercavano sono andati su tutte le furie e hanno iniziato a minacciare e poi picchiare i tre componenti del nucleo familiare.

Due ore di sofferenze e violenze durante le quali il capofamiglia, non solo è rimasto ferito alle gambe da un colpo esploso da una pistola ad aria compressa. ma è stato anche trascinato sotto la doccia bollente affinché rivelasse dove si celava il contante. Alla fine, i rapinatori se ne sono andati via con un magro bottino di appena 500 euro. L’ex funzionario di banca se l’è cavata con una serie di lesioni e ferite guaribili in 20 giorni, In seguito a tale evento, il Sindaco della città ha convocato una conferenza sulla sicurezza pubblica alla quale sarà presente anche il prefetto, Attilio Visconti. Le forze dell’ordine stanno ora indagando sull’accaduto.

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook