Tobin tax: differito il termine per la trasmissione della dichiarazione

Tobin tax: differito il termine per la trasmissione della dichiarazione

Prorogata la scadenza per la presentazione della dichiarazione dell’imposta sulle transazioni finanziarie (la c.d. Tobin Tax) per l’anno 2016. In seguito alle segnalazioni degli operatori del settore circa le difficoltà tecniche di aggiornamento e adeguamento dei propri processi operativi, il termine è stato differito di due mesi, dal 31 marzo al 31 maggio del corrente anno.

È quanto disposto dal provvedimento n. 42770 del 2 marzo 2017 dell’Agenzia delle Entrate, il quale reca altresì modifiche alle specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati contenuti nel modello Ftt (financial transaction tax), già approvate con il provvedimento del 4 gennaio scorso della stessa Agenzia e finalizzate a rendere facoltativa, in relazione all’anno 2016, la compilazione di alcuni righi del modello: TT50, TT51, TT52, TT53, TT54, TT56, TT58 e TT60, con riferimento alle colonne 1, 2, 3 e 4; TT55, TT57, TT59, TT61, TT62, TT63, TT64, TT65 e TT66, con riferimento alle colonne 3 e 4.

Si ricorda che l’imposta sulle transazioni finanziarie (anche detta Tobin Tax, dal nome dal nome del suo ideatore, James Tobin, premio Nobel per l’economia nel 1981), disciplinata dagli articoli 491 e 492 della legge n. 228 del 24 dicembre 2012, è un prelievo fiscale che si applica alle transazioni finanziarie, pensato per porre freno alla speculazione sui mercati finanziari, oltre che per consentire allo stesso tempo alle casse statali di incamerare nuova liquidità. La Tobin Tax 2017, nello specifico, colpisce le rendite finanziarie per le transazioni su azioni, partecipazioni e altri strumenti finanziari emessi da una società che abbia la residenza fiscale nel territorio italiano.
L’aliquota è stabilita nella misura dello 0,2 per cento del valore della transazione finanziaria, ridotta della metà per le transazioni effettuate sui mercati regolamentati e sui sistemi multilaterali di negoziazione.
Per il 2017, i cambiamenti maggiormente significativi che interessano tale imposta riguardano essenzialmente il modulo di dichiarazione (pubblicato dall’Agenzia delle Entrata nella versione aggiornata) e le informazioni che i soggetti obbligati dovranno inserirvi.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook