Mercato immobiliare: aumentano gli acquisti assistiti da mutui

Mercato immobiliare: aumentano gli acquisti assistiti da mutui

Nel corso del 2015 si è assistito ad un incremento degli acquisti di abitazioni con mutuo ipotecario in misura parti al 20% circa. È quanto emerso dalle risultanze delle analisi condotte sui mutui concessi alle famiglie per l’acquisto delle abitazioni, contenuti nell’ultima nota trimestrale dell’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate. L’aumento è stato determinato in buona parte dal significativo calo dei tassi di interesse applicati ai nuovi mutui. Gli acquisti con anticipo di credito trainano la ripresa del mercato immobiliare in tutte le aree del Paese.

Nello specifico, le abitazioni acquistate con mutuo ipotecario ammontano a circa 190mila, oltre 30mila unità in più rispetto al 2014. Il tasso d’interesse medio iniziale è diminuito dello 0,65%, passando dal 3,40% nel 2014 al 2,75% nel 2015. Questo andamento del costo del credito stimola la ripresa delle compravendite assistite da mutuo.
Fenomeno di cui hanno beneficiato maggiormente le persone fisiche, riguardo alle quali l’incidenza degli acquisti con anticipazione di credito sul totale delle compravendite è arrivata fino al 45,5%, guadagnando quasi 5 punti percentuali nel confronto con lo stesso rapporto calcolato nel 2014.

Un altro dato significativo è quello concernente l’importo medio della rata iniziale, che è scesa dai circa 630 euro del 2014 ai 590 euro del 2015, diminuendo del 6,2% in un anno e confermando il trend di contrazione che va avanti da diversi anni. La rata media iniziale è scesa in tutte le aree italiane, sebbene la maggior diminuzione sia avvenuta nel centro Italia (- 7,4%), in cui il costo mensile medio del mutuo è passato da circa 720 a 660 euro. La riduzione della rata mensile iniziale è stata determinata essenzialmente dalla diminuzione del tassi di interesse, dalla stabilità del capitale erogato e dai prezzi delle unità immobiliari, che continuano ad essere bassi, seppur non più in calo.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook