Mercato residenziale in ripresa: pubblicato l’andamento del primo semestre

Mercato residenziale in ripresa: pubblicato l’andamento del primo semestre

Continua la ripresa del mercato immobiliare. Secondo quanto si legge nelle Note territoriali pubblicate dall’Agenzia delle Entrate e realizzate dagli uffici provinciali – Territorio, in collaborazione con l’Osservatorio del mercato immobiliare (Omi), il mercato residenziale appare in evidente recupero, sebbene in alcuni ambiti territoriali permanga il segno negativo.

I report fotografano l’andamento del mercato residenziale nelle province di Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Genova, Catania, Firenze, Salerno, Perugia, Bari, Venezia, Padova, Modena, Crotone, Udine, Pavia, Catanzaro e Mantova.
I dati analizzati si riferiscono al primo semestre del 2015 e concernono volumi di compravendita, quotazioni medie delle abitazioni e relative variazioni inquadrati nel contesto regionale di riferimento.
Favoriti dai prezzi in discesa, o al massimo stabili, gli scambi realizzati nel primo semestre 2015, nel settore residenziale, fanno registrare significativi incrementi. Segno positivo per Milano (+5,9%), Torino (+3,6%) e Napoli (+2,0%), mentre ancora in rosso è il trend degli scambi a Genova (-7,4%) e Roma (-3,0%). La ripresa sembra coinvolgere anche limitrofi delle grandi città.

Tra gli altri capoluoghi del Nord, Padova, Venezia e Mantova recuperano la quota maggiore di scambi: a Padova il rialzo ha raggiunto quasi il 20%, a Venezia il 10%, mentre Mantova ha fatto registrare un incremento del 14,3%, a fronte di una stabilità dei prezzi in tutte e tre le città. Restano in segno negativo, invece, le transazioni a Pavia (-10,5%) e Modena (-7,6%). Le compravendite sono bloccate al livello del I semestre 2014 a Udine e crescono solamente dell’1,7% a Bologna.
Nell’area del Centro, al risultato positivo di Firenze, che guadagna il 5,8% delle transazioni, si contrappone il calo di Perugia, -4,8 per cento.
Al Sud spicca Bari che, con 1.321 abitazioni compravendute nel primo semestre del 2015, circa 250 in più rispetto allo stesso periodo dell’anno passato, fa segnare un aumento del 23,2%. Buono anche il risultato di Salerno, con scambi in crescita del 12,1%, mentre sono più contenuti i recuperi a Napoli e Catania (+2% circa) e a Catanzaro (+1,2 %).

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook