Amazon sotto indagine per elusione fiscale

Amazon sotto indagine per elusione fiscale

main_Amazon-eu-sarl_b_79104

Amazon è sotto inchiesta per gli accordi fiscali con il Lussemburgo. A renderlo noto è uno degli ispettori di Bruxelles che si sta occupando della questione. Continua così la caccia ad ampio raggio della Commissione UE sulle attività di elusione fiscale dei colossi statunitensi. Proprio il mese scorso, infatti, l’istituzione europea ha avviato un’inchiesta sui presunti “aiuti di Stato” concessi a Apple, Starbucks e Fiat Finance and Trade da parte di Lussemburgo, Irlanda e Paesi Bassi.

“Le autorità nazionali non possono adottare misure che possono consentire a certe aziende di pagare meno tasse rispetto a quanto dovrebbero se le regole dello Stato Membro fossero applicate in una modalità giusta e non discriminatoria”, ha ammonito Joaquín Almunia, vice presidente della Commissione responsabile per la competizione.

Il primo passo della Commissione europea in relazione al caso Amazon è coinciso con la richiesta di documenti, a cui seguirà un’indagine più approfondita qualora le supposizioni iniziali dovessero rivelarsi fondate.
Il colosso americano è stato di recente accusato dal mondo dell’industria europeo di riuscire ad eludere milioni di euro di tasse sfruttando un complicato sistema di gestione fiscale.
L’intero fatturato europeo legato ai negozi online di Amazon – circa 13,6 miliardi di euro nel 2013 – ha usufruito in Lussemburgo, nell’anno passato, di uno sconto dell’8% delle tasse; a ciò si aggiungono i 2,1 miliardi di euro, legati alla proprietà intellettuale, che fanno riferimento ad un’altra società locale, l’Amazon Europe Holding Technologies.
In realtà, secondo quanto pubblicato dal Financial Times, Amazon EU Sarl potrebbe sfruttare localmente tali vantaggi fiscali grazie alla sua particolare gestione dell’inventario e ai sistemi sistemi di pagamento utilizzati.
Non resta dunque che attendere i chiarimenti di Amazon e del Governo del Lussemburgo, finora piuttosto restio a collaborare.

Giuseppe Ferrara
8 luglio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook