Gli studenti in piazza a Napoli protestano: “No allo sfruttamento scuola – lavoro

Gli studenti in piazza a Napoli  protestano: “No allo sfruttamento scuola – lavoro

Ancora proteste dal mondo della scuola. A Napoli studenti di ogni ordine e grado della Campania sono scesi in piazza per manifestare contro lo sfruttamento scuola – lavoro.

Il corteo, partito da piazza Garibaldi ha attraversato il centro cittadino per poi terminare il lungo percorso davanti alla sede della Regione Campania, in via S. Lucia. Numerosi gli striscioni e gli slogans con messaggi indirizzati soprattutto alle Istituzioni, Miur e alle multinazionali che sono i veri responsabili dello sfascio del mondo della scuola.

“Siamo oggi in piazza per rivendicare i nostri diritti, per migliorare la scuola e combattere tutte le forme di sfruttamento nelle forme di alternanza scuola lavoro, contro i fondi non garantiti alla scuola e alle Università e l’edilizia. Paghiamo tutto. Questo non è giusto.  Certamente ci saranno altre proteste. Andremo avanti con la protesta fino a quando non avremo i nostri diritti – ci ha Pietro Preda, aderente all’Uds.

“Mc Donald’s, Zara, Fiat Chrysler Automobiles sono solo alcune delle grandi aziende che sfruttano i lavoratori. Grazie alla cosidetta “buona scuola” queste aziende continueranno ad intascare fior di quattrini e a sfruttare i lavoratori” –  aggiunge Renato.

“Per i progetti studenteschi, la Regione non caccia un euro. Le scuole aperte di pomeriggio sono in realtà chiuse. Il diritto allo studio, che gli studenti hanno portato avanti anni fa, è stato cancellato. Paghiamo libri, alloggi, mense trasporti e perfino la carta. Le promesse sono rimaste tali” – ha precisato Maria Laura, dietro ad uno striscione.

 

 

.

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook