Napoli: sgominata rete clandestina di scommesse on line non veritiere. In carcere 38 camorristi

soldiNon è una novità che le scommesse clandestine sulle partite di calcio siano gestite dalla malavita organizzata. Pur di ripinguare le loro tasche,  gruppi camorristici, tramite una rete organizzatissima ( in Campania gran parte dei proventi era gestito dai Casalesi) erano riusciti a mettere  le mani sul sistema informatico delle scommesse, creando una sistema per la raccolta delle scommesse con il quale si riusciva a manipolare alcuni eventi sportivi, inventando in particolare i risultati di partite estere, addirittura nelle stessi sedi autorizzate del Monopolio di Stato. Logicamente tutto questo avveniva all’oscura conoscenza degli scommettitori.

A scoprire la grande truffa sono stati i Carabinieri del Ros che, su disposizione dei pm  Giovanni  Conzo, Catello Maresca e Cesare Sirignano, hanno eseguito una serie di arresti nel Napoletano e nel Casertano, in Puglia, Calabria e Sicilia. Trentotto le ordinanze emmesse; 15 in carcere, 6 agli arresti domicilari e 17 sono avvisi di dimora nella regione Campania.

Nel corso dell’operazione, i militari hanno inoltre sequestrato 3 milioni di euro. Gli arrestati dovranno ora rispondere di concorso esterno in associazione  di tipo mafioso e associazione per delinquere finalizzata all’esercizio abusivo di attività di gioco e scommesse.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook