Progetto di tutela ambientale “Sistri” mai iniziato in Campania. Emesse false fatture. Arrestate 22 persone

Progetto di tutela ambientale “Sistri” mai iniziato in Campania. Emesse false fatture. Arrestate 22 persone

Emergenza rifiuti in Campania: non finisce un capitolo che subito ne inizia un’altro. Ventidue persone sono state arrestate, tre in carcere e 19 ai domiciliari, nell’ambito dell’inchiesta sulla realizzazione del sistema di tracciabilità dei rifiuti del “Sistri.” Tra le persone condotte ai domiciliari c’è  l’avvocato Carlo  Malinconico, ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all’editoria che ricopriva il ruolo di consulente nel sistema, mentre per Sabatino Stornelli, ex amministratore delegato della Selec Service Management Spa,  Maurizio Stornelli di Finmeccanica e Francesco Paolo De Martino è stato disposto la custodia in carcere. I finanzieri nel corso dell’operazione hanno anche sequestrato beni per oltre 10 milioni di euro.

Tutti gli accusati, amministratori di società compiacenti, avrebbero accettato di fungere da collettori e permettere così l’emissione di fatture false, coprendo alcuni di loro con prestanome società di un imprenditore campano finito in carcere. L’operazione, in base alle investigazioni condotte dalla Polizia tributaria, si aggira intorno ai 400 milioni  per i primi cinque anni. Tra i reati ipotizzati associazione a delinquere, corruzione di pubblici ufficiali incaricati di pubblico servizio e false fatturazioni.

G.R.

18 aprile 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook