Protesta nel quartiere Sanità contro la Camorra. “Il quartiere chiede più protezione e sicurezza”.

Protesta nel quartiere Sanità contro la Camorra. “Il quartiere chiede più protezione e sicurezza”.

Circa 200 persone, tra cui cittadini e rappresentanti dei comitati territoriali della zona del centro storico di Napoli, sono scesi in piazza nel cuore del quartiere Sanità, a due passi dalla basilica di Santa Maria per dire ancora una volta no alla violenza, no alle “stese”.

” A due anni dalla morte di Cesarano – ci ha detto il presidente della III Municipalità, Ivo Poggiani, come parlamentino di quartiere, non immaginavamo di stare presenti qui nella piazza principale del quartiere Sanità per manifestare contro la camorra. Il percorso va avanti. Vogliamo più sicurezza all’interno del quartiere. Oggi, purtroppo si continua a sparare in aria e all’impazzata. C’è quindi bisogno di un discorso di qualificazione che parta da tutti;, ad iniziare dai comitati, dalle associazioni per abbattere la paura. Si è appena iniziato. Nostro obiettivo è non fermarci più.”

“Napoli non può tornare indietro. La nostra presenza come amministrazione comunale, qui nel quartiere Sanità – ci ha detto il vice sindaco di Napoli, Raffaele Del Giudice – è emblematica. La città e questo quartiere hanno bisogno della presenza delle forze dell’Ordine e di mezzi. Nell’aria vedo che esiste un’effervescenza culturale bellissima che parte dalla gente comune. Tutto questo non può che meritare tutto il nostro appoggio. Il capitale umano non ha prezzo. Il suo valore va sicuramente difeso, soprattutto quando sul territorio vediamo protagonisti le associazioni. Un filo di paglia spesso si spezza, ma se mettiamo insieme più fili è facile che si formi una corda. In poche parole, stiamo costruendo la corda civile in questa città. Ci si salva tutti insieme.”

servizio di Gigi Rubino ed Elio Guerriero

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook