Nasce a Napoli Accademia “MedEATerranea”. Firmato accordo con L’Università di Philadelphia.

Nasce a Napoli Accademia “MedEATerranea”. Firmato accordo con L’Università  di Philadelphia.

Un nuovo modo per cucinare, ma anche un altro per studiare con una particolare attenzione alla sicurezza alimentare, la salute e l’Ambiente, nasce così Accademia Mediterranea, polo di riferimento della cultura ricerca e formazione apertosi a Napoli, alla Mostra d’Oltremare. All’inaugurazione hanno partecipato il presidente dell’Accademia Mediterranea, Massimiliano Quintiliani, il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, la presidentessa della Mostra Donatella Chiodo, il consigliere delegato,Giuseppe Oliviero.

Tra breve – ha detto Massimiliano Quintiliani, presidente di Accademia Mediterranea,- partiranno attività di ricerca e formazione, di supporto e sviluppo di temi sulla Dieta Mediterranea, la migliore, che avrà come supervisore  il professore Antonio Giordano, nutrizionista di fama internazionale, collegato questa sera con noi con Skipe”.

Accademia Mediterranea  è rivolto non solo ai giovani appassionati di enogastronomia, ma anche ai tanti operatori del settore enogastronomico; cuochi, pasticceri, pizzaioli, gelatieri, barman, sommelier, personale di back office ed offre spazi polifunzionali per l’apprendimento teorico, pratico, gestionale e tecnico con multipostazioni di cucine, aula didattica in brigata e aree idonee per le varie attività culinarie.

Percorsi formativi saranno inoltre realizzati per gli stranieri, sempre più attratti dalla cultura enogastronomica italiana. Nell’occasione si preferirà la cucina campana ed insieme la conoscenza dei prodotti del territorio, partendo dai  famosi pomodorini vesuviani, o quelli di San Marzano, località dell’agro nocerino sarnese, superiore,- come ha detto il professore Giordano nel suo intervento via Skipe – per qualità alla produzione che avviene sul resto del territorio nazionale.

Tutto quello che noi mangiamo – ha precisato Giordano – nascono dalle varie forme di vita, ad iniziare dal DNA delle piante. Quindi, prima di cucinare e mangiare, è bene conoscere, attraverso lo studio ed analisi attente, la provenienza dei vari prodotti, per non mettere a rischio la nostra salute.

In questo ottica – ha detto il professor Giordano, presidente dello Sbarro Health Research Organization, presso la Temple University di Phliladelphia (USA), – si inserisce l’accordo quadro di cooperazione e comunicazione scientifica pluriennale con Acccademia Mediterranea.”

servizio di Luigi Rubino e Elio Guerriero

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook