Sequestrata discarica abusiva e pericolosa nel Parco Nazionale del Vesuvio

Sequestrata discarica abusiva e pericolosa nel Parco Nazionale del Vesuvio

Circa 400mila metri cubi di rifiuti di ogni genere e molto pericolosi per l’ambiente sono stati sequestrati dai Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico in Contrada Castelluccio a Ercolano (Napoli). Sotto controllo Cava Fiengo, un’area di 15 ettari di terreno che si trova all’interno del Parco Nazionale del Vesuvio, spesso meta di turisti e visitatori.

Tra il materiale interrato sono stati trovati rifiuti di ogni genere: indumenti, cemento, amianto, fusti di olio lubrtificanti, plastica, metalli  e persino carcasse di auto. In base alle analisi chimiche, in zona è stata rilevata anche un’alta percentuale di sostanze inquinanti come idrocarburi, diossine, piombo, rame, berillio, cromo esavalente.

” Il sequestro di Cava Fiengo e i risultati emersi dalle analisi sono una realtà inquietante per il nostro territorio” – ha detto il sindaco di Ercolano, Ciro Buonajuto.

Le indagini emesse dal Gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della Procura della Repubblica di Napoli sono partite mesi fa, grazie ad un pentito, dopo un’attività di scavo eseguita dall’Arpac.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook