Napoli: Catturato nei pressi della Stazione Centrale il boss della droga Leonardi…

Si nascondeva in un appartamento nei pressi della stazione centrale di Napoli, ma la polizia lo ha individuato e ammanettato. E ‘ finita cosi la latitanza di Antonio Leonardi 52 anni, detto “Chiappellone” uno dei più abili fornitori di droga della malavita organizzata napoletana, legata al gruppo dei “girati.”

Al momento dell’irruzione degli agenti del Commissariato di Vicaria il boss, che si trovava al terzo piano di un palazzo in via Ricciardi, non ha opposto resistenza ed era in compagnia della moglie e di due altre persone, tra i quali il proprietario dell’immobile, già noto alla Questura per alcuni suoi precedenti penali. Leonardi era ricercato dall’ottobre scorso per associazione a delinquere e traffico di stupefacenti. La cattura è stata possibile grazie ad una serie di pedinamenti ed appostamenti delle forze dell’Ordine alla moglie del boss, vista spesso uscire ed entrare dall’appartamento dove il marito era nascosto. L’uomo, che quasi sempre è stato in stretto contatto con i clan della Vanella Grassi ed alcuni aderenti del clan Di Lauro, era riuscito, nel corso degli anni, a creare un sostanzioso giro di affari, smistando droga e riciclando poi il denaro illecito proveniente dal mercato degli stupefacenti. La cattura di Leonardi ha lasciato soddisfatti il ministro della Giustizia, Paolo Severino, il Procuratore di Napoli, Giovanni Colangelo e il questore della capoluogo campano, Luigi Merolla, che si sono complimentati con gli agenti protagonisti del blitz che ha inferto un duro colpo alla malavita organizzata a nord di Napoli.

28 dicembre 2012

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook