Due Carabinieri in manette, fornivano informazioni anticrimini alla Camorra

Due Carabinieri in manette, fornivano informazioni anticrimini alla Camorra

Due Carabinieri e tre pregiudicati ritenuti legati ai clan Polverino, Nuvoletta ed Orlando, che operano a Marano, comune dell’hinterland napoletano, sono stati arrestati dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Napoli.

Se i pregiudicati si occupavano prevalentemente del commercio della droga, i due militari, un graduato e un carabiniere semplice, venivano pagati dai clan per fornire informazioni riservate.

In manette sono finiti: Massimo D’Onofrio 42 anni barese, il 38enne Angelo Di Maro residente a Mugnano (Na), l’appuntato dei Carabinieri, Angelo Cantone di Pomigliano d’Arco, il 49enne Francesco Sepe già detenuto e agli arresti domiciliari e Francesco Papa, l’altro Carabiniere di 36 anni, per il quale è stato deciso il divieto di dimora a Napoli, Caserta e province. I due militari sono stati, logicamente sospesi dal servizio. Per una sesta persona che ha svolto il ruolo di intermediario, il Gip ha deciso per i domiciliari.

I reati contestati sono tutti aggravati da attività mafiose. Nel corso dell’operazione, i Carabinieri hanno trovato precisamente 80 kg di droga, una pistola e 4890 euro in contanti.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook