Infanzia nel mondo: convegno internazionale in corso a Napoli…

La famiglia, l’infanzia e l’educazione al centro delle nuove sfide dello sviluppo sociale,” è questo il tema della quattro giorni della 23esima edizione del “World Forum Children,” in corso di svolgimento alla Stazione Marittima di Napoli e che chiuderà i battenti il 29 novembre.  Al convegno internazionale sul benessere del bambino presenti ben 27 delegati di diversi paesi del mondo. Moltissimi i rappresentanti africani di varie nazioni, delegati asiatici,  Sud America, Stati Uniti, Australia ed Europa, tra cui: Francia, Svizzera, Inghilterra, Belgio, Spagna e Italia.

Nato nel 1989 in Finlandia, per migliorare la qualità della vita dei bambini di tutto il mondo, il forum mette in rete 300 organizzazioni non governative per il benessere del bambino a livello internazionale. Alla Convention napoletana, che segue quella del 2011 tenutasi a Melbourne ( Australia),  hanno aderito la Regione, con il presidente Stefano Caldoro, il Comune di Napoli, rappresentato in prima persona dal sindaco De Magistris,   la Provincia con il presidente Antonio Pentangelo, il Cardinale Crescenzio Sepe, Ermanno Russo, assessore alle Attività sociali della Campania, Marco Rossi Doria, sottosegretario all’ Istruzione, Università e Ricerca. Tra i partecipanti presenti anche: Gianni Pitella, vicepresidente vicario del Parlamento europeo, Lorena Rambaudi, coordinatrice delle Politiche sociali Conferenza Stato – Regioni, Catriona Williams presidente IFCW, Matilda Raffa Cuomo e Sergio Cuomo, presidente Mentoring Usa/ Italia e Patrizio Paoletti, presidente della Fondazione “L’albero della vita.”

La Campania – ha detto Patrizio Paoletti – è  la regione più giovane d’Italia e, in base alle statistiche, è il territorio che ha il 21,6% degli abitanti compresi tra 0 e 18 anni d’età, per questo si avverte la necessità di fare proprie le proposte, che provengono da altri paesi del mondo per migliorare l’infanzia e la crescita dei giovani.  ” La Regione – ha dichiarato Caldoro – finora ha fatto la sua parte, stanziando fondi regionale ed europei. Il problema è soprattutto la mancanza di soldi.”

Oltre ai servizi innovativi per i bambini della prima infanzia ( 0 – 36 mesi) e per l’infanzia, fino a 12 mesi, resi possibili da un finanziamento  di 4,5 milioni di euro per i primi e di 2,4 per i secondi – ha aggiunto l’assessore alle Politiche sociali della Regione, Ermanno Russo –  stiamo sperimentando, ed è la prima volta in Campania, accordi territoriali per consentire alle donne che lavorano di poter vivere con tranquillità la propria maternità e allo stesso tempo alle aziende di poter godere di un incentivo per la sostituzione del personale femminile. Per alcune aree della Campania – ha precisato l’assessore -come quelle del Casertano, prive di ogni servizio, abbiamo previsto un finanziamento pari a 700mila euro, per ciascun ambito territoriale”. Nel Word Forum di Napoli, proseguono intanto le discussioni. Il cardinale Sepe, in occasione del protocollo con la Fondazione Mentoring /Usa ha detto: ” Viviamo una situazione davvero difficile. Bisogna fare qualcosa per i nostri bambini ed adolescenti.” Giulio Terzi di Sant’Agata, ministro degli Esteri, attraverso un video messaggio al Worl Forun Children si è soffermato, invece, sull’inserimento degli stranieri nelle scuole del nostro Paese: “L’inclusione, a partire dalle scuole è una sfida da affrontare per conseguire una loro piena integrazione e garantire un’istruzione su basi paritetiche.”  

servizio di Luigi Rubino
27 novembre 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook