Napoli: preside sospende 680 studenti

La decisione, presa all’Istituto “Labriola” riguarda il divieto emanato dal collegio dei docenti e dalla preside Vettone di far trascorrere i dieci minuti di intervallo nei cortili della scuola. Gli studenti: “Se necessario, continueremo la nostra battaglia”

La battaglia continuerà fanno sapere gli studenti del Liceo Scientifico ” Labriola” di Napoli.  La decisione imposta dalla preside dell’ Istituto, Luisa Vettone, di sospendere in massa per un giorno ben  680 studenti dei quasi 800  giovani che frequentano l’istituto non piace affatto. La protesta che i ragazzi avevano inscenato lo scorso 17 ottobre contro il provvedimento di divieto deciso  dal  collegio dei docenti  di trascorrere i dieci minuti di intervallo nei cortili della scuola, ma in aula è giusta e legittima. La sospensione  è inspiegabile, perchè va contro ad ogni forma di democrazia, precisano i giovani contestatori del ” Labriola”.

Immediate le risposte dei docenti. La vice preside, Eufemia Spinosa, fa sapere che la decisione è stata presa prettamente per motivi di sicurezza, perchè nei minuti di intervallo non c’è nessun controllo. La sospensione dei ragazzi – precisa Spinosa – è stata decisa perchè durante la manifestazione dello scorso 17 ottobre, c’era tutta l’intenzione da parte degli studenti di proseguire la protesta ad oltranza.” L’intervento – conclude la vice preside – non è quindi punitivo, ma educativo, perchè le regole ci sono e vanno rispettate.” Sulla vicenda, i ragazzi, tramite il loro rappresentante di istituto, hanno intenzione di chiedere un confronto chiarificatore non solo con i massimi dirigenti della Scuola, ma anche con i genitori, anche perchè, come sottolineano le organizzazioni studentesche c’è bisogno di ristabilire dialogo e serenità.

L.R.

27 ottobre 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook