FOLLIA NEL CASERTANO: Carabiniere uccide un collega in caserma e si suicida

Prima uccide il suo vice con la pistola d’ ordinanza e poi si toglie la vita. Il tragico episodio è avvvenuto nella caserma di Mugnano Lungo, piccolo comune in provincia di Caserta. Protagonisti dell’efferrato omicidio, il comandante della stazione dei Carabinieri, Angelo Simeone, ultracinquantenne e il suo vice Tommaso Nella di 40 anni.

I due militari intorno alle 10 erano appena rientrati insieme in caserma, con la propria auto di servizio, dopo un servizio esterno, quando una lite accesa ha portato Angelo ad estrarre la pistola e fare fuoco contro il collega. Il comandante poi senza esitazione sempre con la stessa pistola si è tolto la vita. Ad accorrere sul posto un altro carabiniere, che visto in terra i due corpi senza vita dei due colleghi si è sentito male, tanto che è stato dovuto accompagnare in ospedale da altri militari giunti sul posto. Tra le ipotesi della tragedia, in un primo momento si è pensato a motivi passionali. Gli investigatori, comunque ritengono che la morte  dei due militari possa essere dovuta anche e solo esclusivamente ad accese discussioni sorte in ambito lavorativo.

G.R

21 giugno 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook