Ucraino muore per sventare rapina. Proclamato lutto cittadino a Castel Cisterna

Ucraino muore per sventare rapina. Proclamato lutto cittadino a Castel Cisterna

Omicidio-a-Castello-di-Cisterna.-Ucciso-mentre-sventa-una-rapina-4Il suo coraggio, alla fine gli è costato caro. Un uomo di 38 anni, ucraino,  è stato ucciso  sabato sera per aver tentato di sventare una rapina in un supermercato a Castel Cisterna, un piccolo comune non lontano da Napoli. La vittima aveva appena finito di fare la spesa e dopo aver lasciato a sicuro la figlia di pochi anni, fuori il locale, nel carrello della spesa, si è scagliato contro i malviventi. E’ nata una violenta colluttazione. L’uomo è stato raggiunto da due colpi di pistola, che lo hanno colpito al petto e ad una gamba. Vani sono risultati i soccorsi della gente del luogo, accorsa numerosa subito dopo la sparatoria. Anatolij Korol, questo è il nome della vittima, lavorava come operaio edile e viveva da parecchi anni a Castel Cisterna. Il sindaco Clemente Sorrentino ha deciso di proclamare il lutto cittadino. In mattinata il primo cittadino ha incontrato e accompagnato i familiari dell’uomo ucciso all’obitorio. Subito dopo però la moglie di Anatolij si è sentita male ed è svenuta. Accompagnata al pronto soccorso, alla donna le è stata praticata una flebe ed è stata ricondotta a casa. Ad occuparsi del funerale del 38enne ucraino sarà direttamente il Comune di Castel Cisterna.

L. R. redazione Napoli

30 agosto 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook