Macabra scoperta : animali ritrovati in congelatori in 3 centri per recupero animali nell’Avellinese e nel Salernitano

E’  vero. L’essere più pericoloso sulle Terra è l’uomo. La conferma viene

da Nusco e Montella, due paesini in provincia di Avellino e da Sessa Cilento, piccolo centro nel Salernitano. Le guardie del W.W.F, in collaborazione con i Carabinieri,  la polizia Municipale  e le guardie Regionali zoofile della ” Federazione Nazionale “Pro Vita”  hanno scoperto nei due centri di recupero per animali selvatici dell’Avellinese, un vero e proprio lager dove si custodivano animati imbalsamati o racchiusi nei congelatori.

Addirittura sono stati ritrovati anche i corpi di cani e gatti, le cui carni, si sospetta, venivano utilizzate per nutrire alcuni carnivori, tra i quali un lupo, rinchiuso, senza pietà, in una voliera. Non tutti gli animali  senza vita erano depositati nei congelatori. Numerose carcasse sono stati infatti ritrovate anche al di fuori dei potenti frigoriferi. Oltre al ritrovamento di animali imbalsamati, le guardie del W.W.F hanno scoperto che numerose specie di rapaci, falchi, tartarughe terrestri, pitoni erano ridotti in un pietoso stato di denutrizione. Nei congelatori comunque non c’erano soltanto i corpi di cani e gatti, ma anche di volpi, civette, gufi e tanti altri volatili. Addirittura in alcuni barattoli erano conservati nell’alcol molte specie protette di rettili. Le due persone del centro, responsabili di questo orrore, sono state denunciate alla Procura di S. Angelo dei Lombardi ( Av). I reati contestati, come riporta l’ Agenzia giornalistica Gea Press, è quella della detenzione di animali imbalsamati senza autorizzazione, maltrattamento di animali, detenzione di animali protetti, abbandono di animali, violazione della normativa Cites. Secondo un piano preciso, pare comunque che le strutture di Sessa Cilento e Montella servivano per ospitare i primi ricoveri, mentre quella di Nusco si occupava dei controlli per la liberazione degli animali, che però mai avveniva.

Gigi Rubino

9 maggio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook