Incendio distrugge fabbrica di fuochi a Giugliano. I morti ora sono quattro

Incendio distrugge fabbrica di fuochi a Giugliano. I morti ora sono quattro

vigili del fuoco-7-6Sono purtroppo quattro i morti in seguito allo scoppio di ieri mattina in una fabbrica di fuochi d’artificio in località Ponte Riccio, a pochi chilometri da Qualiano, piccolo centro in provincia di Napoli.  Alle tre persone che hanno perso la vita ieri subito dopo lo scoppio, tra i quali Raffaele Schiatarella di 55 anni, Luigi Capasso di 45 e Gabriele Vallefuoco di 66, si è aggiunto stamane il fratello di Raffaele Schiatarella, Salvatore di 50 anni, titolare della struttura, che da ieri era ricoverato in gravi condizioni all’ospedale “Cardarelli” di Napoli. Più fortunato è invece stato un operaio della ditta che subito è stato dimesso, mentre sono ancora in ospedale altre due persone, tra le quali  Francesco Imperatore, sottoposto all’ospedale di Giugliano ad un difficile intervento chirurgico. I motivi dell’esplosione, che è stata avvertita a chilometri di distanza e in particolare dagli abitanti del vicino quartiere napoletano di Pianura, secondo le prime indagini, potrebbero essere accidentali Gli ulteriori controlli di Polizia, Carabinieri e Vigili del Fuoco comunque saranno decisivi per determinare le cause precise dell’incendio che ha distrutto l’intera fabbrica di proprietà della famiglia Schiatarella.

G. R.  redazione Napoli

14 maggio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook