Vigile sanitario si uccide sul posto di lavoro a Scampia. Si ignorano i motivi del folle gesto…

Ancora uno sconcertante episodio di suicidio a Napoli. Un vigile sanitario si è tolto la vita con la sua pistola di ordinanza sul posto di lavoro, in una delle stanze riservate alle guardie giurate nei locali del distretto 48 della Asl Napoli 1, nel quartiere periferico di Scampia, a nord della città.

L’uomo, Michele Varriale aveva 50 anni e lavorava da ben 17 anni in questa struttura. Non si conoscono ancora i motivi precisi del folle gesto. Prima di spararsi, comunque, l’uomo ha scritto un biglietto con un numero telefonico con il quale si chiede di avvertire il figlio. Il colpo partito dall’arma della vittima è riuscito a  oltrepassare la parete della stanza al sesto piano e poi ha raggiunto il muro di un’altra stanza. Fortunata è stata l’infermiera che ha trovato il corpo dell’uomo disteso a terra e che, precedentemente, per poco era riuscita ad evitare di essere colpita dal rimbalzo del proiettile. Meravigliati parenti ed amici, anche perchè Michele conduceva una vita serena, senza alcun problema familiare ed economico.

L. R.

8 maggio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook