“EnergyMed” Convegno alla Mostra d’Oltremare di Napoli sull’energia “pulita.”

servizio di Luigi Rubino

E’ in corso di svolgimento alla Mostra d’Oltremare di Napoli la quinta edizione di “Energy Med”, il più importante appuntamento del settore dell’energia ” pulita” del sud Italia e del Mediterraneo. All’ iniziativa, organizzata dall’Anea ( agenzia Napoletana Energia e Ambiente), partecipano  circa 200 espositori del settore tecnologico per la produzione e l’utilizzo delle fonti rinnovabili, in uno spazio di 10.000 mq.

L’evento è stato promosso dal Comune di Napoli, dalle Province di Benevento e del capoluogo campano, con il contributo di Arin,( Azienda risorse idrica nazionale), Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Salerno, Enel, Tirreno Power, Napoletana Gas e Mostra d’Oltremare. Anche in questo ennesima rassegna, come nelle precedenti, ci sono  tre distinte aree: la Ecobuilding che punta sui progetti di costruzione e ristrutturazione per l’efficienza energetica, la ” MobilytyMed,” settore che si occupa della mobilità sostenibile con la realizzazione di veicoli a basso impatto ambientale, con attenzione alle fonti di alimentazione e la “Recycle,” campo specifico che si occupa del recupero di materia ed energia dai rifiuti di grande importanza per una giusta gestione del ciclo completo dei rifiuti, con novità espositive, servizi e prodotti utili del settore.  Numerosi i Convegni ( 17) che si terrano fino al prossimo 24 marzo, quando terminerà la kermesse.

Tra le iniziative di EnergyMed interessante quella introdotta nella mobilità sostenibile come il Test drive Low Emission, che dà la possibilità di guidare vetture elettriche, a metano e gpl. ” Il Comune continuerà a lavorare per il futuro, insieme a tutte le Associazioni coinvolte e con chi ha contribuito a questa iniziativa importante per fare di Napoli una punto di riferimento per l’energia alternativa e rinnovabile, non solo nel settore dei rifiuti, ma anche nel riciclo e nel solare e con tutto quello a che fare con l’impresa , lo sviluppo del lavoro e la difesa dell’ambiente, anche per regalare un futuro migliore alle giovani generazioni” – ha dichiarato il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, che presente alla manifestazione, ha inaugurato ieri la rassegna con il taglio del nastro.

Il passaggio dell’esposizione da biennale ad annuale è frutto di una scelta ben precisa – ha detto poi il vice sindaco con delega all’Ambiente, Tommaso Sodano. L’iniziativa – ha poi aggiunto – è un punto di riferimento per la green economy del centro sud Italia che può rilanciare la posizione centrale della città sul Mediterraneo.”  “L’attuazione di campagne informative” – ha detto nel suo intervento Aniello Palumbo, Assessore all’Energia della Provincia di Napoli – costituisce uno strumento rilevante per divulgare l’operato che tutti i paesi dell’ Unione Europea stanno mettendo in atto per il  raggiungimento degli obiettivi fissati dal protocollo di Kioto.”

Fondamentale ha detto l’ assessore è l’installazione di impianti fotovoltaici e/o solari e impianti di questo tipo su scuole e Istituti scolastici, in modo da sensibilizzare le nuove generazioni alle tematiche del risparmio energetico e delle fonti rinnovabili. “Per Energy Med – ha sottolineato Michele Macaluso, direttore Anea – esiste un progetto industriale che, partendo dall’annualità, vuole trasformare la manifestazione in un polo strategico per le tecnologie pulite e i servizi innovativi per l’energia, la mobilità sostenibile e il riciclo. Tutto ciò è possibile mettendo in rete risorse, competenze presenti nelle imprese, nelle Istituzioni, associazioni, Università, centri di ricerca che sono interessati ad investire in questo settore per il Centro- Sud Italia.”

23 marzo 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook