Lavoro nero: un arresto, 11 denunce, sette fabbriche chiuse nell’area Vesuviana.

Lavoro nero: un arresto, 11 denunce, sette fabbriche chiuse nell’area Vesuviana.

20150124_CRO_TN01_0014Vasta operazione dei Carabinieri del gruppo reparto tutela del lavoro di Torre Annunziata che in collaborazione con gli ispettori dell’Asl e dell’Inps, a termine di attenti controlli sul lavoro nero in molte comuni vesuviani,  hanno denunciato 11 persone e arrestata a San. Giuseppe Vesuviano, una cittadina cinese di 31 anni, sorpresa a lavorare con altri lavoratori nel suo laboratorio, già sottoposto, in precedenza, a sequestro. Sette sono le fabbriche di abbigliamento chiuse. Quattro sequestrate. In altre, invece, sono state sospese le attività. Sempre il gruppo dei Carabinieri ha poi elevato sanzioni amministrative pari a 270 mila euro. Nel comune di Terzigno, invece, i militari hanno denunciato a piede libero, perchè trovati senza permesso di soggiorno in una stabilimento tessile, quattro cinesi. Al titolare della fabbrica sono  state comminate sanzioni per circa 40 mila euro, per mancata sicurezza sul luogo di lavoro. In molti locali, contestate anche violazioni sull’illecito smaltimento dei rifiuti speciali, molto pericolosi per la salute. Altri interventi  e verifiche (15) dei militari sono stati anche effettuati anche a Ottaviano e Boscoreale.

L. R.- redazione Napoli

24 gennaio 2015

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook