Comuni: dal 1 marzo più lotta all’inquinamento anche a Napoli

Gli incentivi spettano agli automobilisti che installeranno impianti ecologici Gpl e metano sulle proprie auto.

La lotta all’inquinamento e la riduzione del traffico cittadino sono alcuni degli obiettivi prioritari dei Comuni che hanno aderito alla Convenzione ICBI ( Iniziativa Carburanti a Basso Impatto).

L’assessorato alla Mobilità del Comune di Napoli rende noto che dal 1 marzo sarà nuovamente possibile installare impianti a metano o Gpl per le auto private  euro 2 ed euro 3, residenti nel capoluogo campano. Gli incentivi spettano alle persone fisiche e guiridiche che installano impianti a Gpl sulla propria autovettura Euro 2 ed Euro 3, immatricolata dopo il 1 gennaio 1997. La somma prevista è di 500.000 euro. Per coloro che installano un impianto a metano la cifra è invece di 6.50 euro. Il passaggio della propria auto al Gpl o al metano – suggerisce l’Assessore alla Mobilità del Comune di Napoli -. è conveniente per le famiglie, evita danni all ‘Ambiente e riduce le emissioni di gas nocivi per la salute dei cittadini. Ma qual’è la procedura per ottenere gli incentivi? Semplice, basta prenotarsi presso un’officina della città che aderisce all’iniziativa.

Gigi Rubino

28 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook