Pompei: ancora crolli! Questa volta colpita la ”Venere in Conghiglia”

Gli scavi archeologici di Pompei cadono a pezzi. A provocare questa volta  danni al sito archeologico è stato il forte vento delle ultime ore che si è abbattuto da ieri sera sul Napoletano. Una parte di intonaco colorato di rosso si è infatti staccata dalle pareti dell’Atrio della Domus delle Venere in Conghiglia.

Danni rilevanti alle mura sono stati riscontrati per una lunghezza di circa un metro e mezzo. Altri crolli, come ha annunciato una nota della Soprintendenza, hanno riguardato anche la superficie in cocciopesto grezzo di una delle pareti della fullonica ubicata nella Regio VI,  insula  14 e di uno stipite nei pressi delle Terme Regio VII, insula VI. Per gli interventi di risistemazione comunque sono pronti i tecnici che garantiranno il recupero totale dei paramenti. Il danno avvenuto è molto rilevante, anche perchè l’edificio dove si trova l’atrio delle Venere rientra nel “Piano” Pompei con l’Unesco, per i quali sono stati stanziati 105 milioni. Sui soldi disponibili per la ristemazione del sito archeologico,  come ha ricordato la senatrice De Feo, restano comunque disponibili altri 40 milioni.

L.R.

27 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook