Trovati nelle acque di Capri i corpi senza vita dei pescatori dispersi

Sono stati trovati i corpi senza vita dei due giovani pescatori dispersi in mare a largo di Sorrento la sera  del 21 febbraio.  Vincenzo ed Ernesto Staiano, questi i nomi dei due fratelli, il primo  di 35 anni  e  il secondo di 40, sono stati trovati lungo la costa dell’isola di Capri, in posti diversi, a poche ore di distanza l’uno dall’altro.

Il cadavere di uno dei due sarebbe stato recuperato in prossimità del porto dell’isola, il secondo, invece, è stato individuato da un elicottero della Guardia Costiera a largo dell’isola, a circa 200 metri dalla terraferma. A trascinare i cadaveri dei due pescatori verso Capri ha contribuito notevolmente il forte vento di grecale di questi giorni. I due fratelli avevano deciso quella sera di andare a pesca e invischiandosene del mare agitato si erano allontanati da Marina di Lobra in località Massalubrense per andare a pesca a bordo di una barca di 3 metri e mezzo tra punta Campanella e Capri. I due uomini poi, attesi con ansia dai familiari, non hanno fatto più ritorno a casa, perchè Il mare, con le sue onde gigantesche, aveva inghiottito i due corpi e la loro barca.

G.R.

23 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook