Diminuiti in un anno i furti di beni d’arte in Campania. Efficaci finora la vigilanza e i controlli

Sono in forte calo i furti degli oggetti d’arte in Campania. Solo nello scorso anno infatti il Nucleo di Napoli  del Comando Carabinieri Tutela del Patrimonio Culturale ha recuperato ben 3.060 beni culturali e reperti archeologici per una somma complessiva di circa 2 milioni di euro. Un netto miglioramento si riscontra  anche nel settore privato, negli enti pubblici e nelle chiese, dove i furti sono calati quasi la metà nel 2011, rispetto al 2010.

Salve, invece,  le opere dei musei campani dove – come ha dichiarato il comandante del Nucleo Carabinieri Tutela del Patrimonio Culturale, Carmine Elefante – grazie a controlli accurati e la predisposizione elettronica di sicurezza,  si è riusciti a tenere lontano i mali intenzionati. In Campania nello scorso anno, sono stati trafugati 1258 oggetti, di cui pochissimi quelli di grande valore. I controlli sono stati intensificati anche per quanto concerne gli scavi archeologici e la falsificazione di beni artistici di grande importanza, spesso opera della malavita organizzata.

G.R.

21 febbraio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook