Ritrovato a Napoli il tredicenne etiope scomparso

Il ragazzo era scappato mentre era in vacanza con i genitori adottivi in una località vicino Novara.. Voleva raggiungere i fratelli in Etiopia
 
Alla stazione centrale di Napoli è stato ritrovato il tredicenne Habtamu, di origine etiope, scomparso il 4 gennaio durante una vacanza con i genitori sul lago d’Orta in prossimità di Novara. Il ragazzo era stato adottato insieme al fratellino da una coppia di Paderno Dugnano, in provincia di Milano.

Da qualche tempo il giovane parlava in continuazione ai propri genitori della propria terra d’origine e della nostalgia nei confronti dei fratelli che vi abitano. La malinconia per il proprio paese è stata tale da far viaggiare Habtamu lungo tutta la penisola. Dopo aver detto ai genitori che sarebbe andato a fare un’escursione, il ragazzo ha pensato bene di non rincasare e partire con tanta determinazione, portando  nello zaino soltanto una cartina dell’Italia. Habtamu poi è stato ritrovato da alcuni agenti della Polfer, i quali lo hanno riconosciuto immediatamente. Al momento del ritrovamento, i poliziotti si sono dimostrati subito disponibili verso il ragazzo tanto che gli hanno subito offerto la colazione. Habtamu, pentito e provato dalla vita di strada,ha raccontato agli agenti di aver passato dei giorni di inferno, dormendo in ripari di fortuna e arrangiandosi, chiedendo elemosina ai passanti. Appena saputa la notizia i genitori, contentissimi, si sono messi in viaggio per Napoli per abbracciare il loro amato figlio.

di Marialuisa Serpico

10 gennaio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook